Roma, 17 feb – La maggioranza si spacca sul tetto sul contante: Lega e FI votano con FdI contro il governo. Resta il limite a duemila euro per un altro anno. Prove generali di riunione del centrodestra? Certo è che la maggioranza traballa e sul dl Milleproroghe il governo è andato sotto quattro volte.

Dl Milleproroghe: maggioranza spaccata, il governo va sotto quattro volte

Caos nelle commissioni Bilancio e Affari costituzionali alla Camera durante l’esame delle modifiche al dl Milleproroghe. Il governo nella notte è andato sotto quattro volte, secondo quanto si apprende, e la maggioranza si è spaccata più volte. Contro il parere dell’esecutivo sono passati gli emendamenti che prevedono il dietrofront sull’Ilva e sul tetto al contante così come sono state approvate norme sulle graduatorie della scuola e i test sugli animali. Duro scontro anche sul tema della giustizia fra il Pd e la Lega. Sulle graduatorie per l’Istruzione il governo al contrario ha dato parere favorevole a una riformulazione che però è stata bocciata dalle commissioni.

Lega e FI votano con FdI contro il governo: tetto sul contante resta a duemila euro per un altro anno

La Lega e FI votano con FdI una retromarcia sul contante: il tetto che dallo scorso primo gennaio è sceso a mille euro torna ora per un anno a duemila euro. La modifica sposta infatti l’entrata in vigore della soglia più bassa dal primo gennaio 2022 al primo gennaio 2023. La modifica è passata, secondo quanto viene riferito, per un solo voto con il parere contrario del governo. Sempre ieri però la maggioranza però ha votato compatta il rinnovo dello stato di emergenza sanitaria fino al 31 marzo.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. E il green pass criminale che manda alla fame 1 milione di italiani con obbligo a prodotti genici sperimentali che costringono a fare da cavie e a muorire o restare invalidi a vita???.Nessuna novità da FI e Lega???
    Il potere è piu’ importante dei diritti e della salute degli italiani per questi, evidentemente.

    Almeno è positivo per noi il loro crollo nei sondaggi nelle ultime settimane, insieme ai compagni di merende m5s!!A conti fatti hanno perso un 3 % a testa tra lega e m5s, sono 1 milione di voti a testa ma si vede che a loro và bene.

  2. Ai criminali stragisti, che hanno causato decine di migliaia di morti o invalidi in italia, non crede piu’ nessuno.Anche se i media allineati, compresa la RAI da noi pagata, continuano a parlare di “vaccini sicuri” la elevata tossicità e mortalità di questi veleni, come dimostrano i dati EMA che riportano 40 mila morti sospette,sta venendo fuori nella realtà quotidiana degli italiani .Non è piu’ possibile nascondere gli effetti gravi tanto che i centri “vaccinali”(meglio dire “mortali”) sono completam,ente vuoti.

    da; eventiavversinews.it
    Hub deserti. Minimo storico delle vaccinazioni. Nessuno si fida più. Da inizio anno inoculazioni crollate oltre il 75%-Febbraio 16, 2022
    …”Siamo al fallimento della campagna vaccinale. I dati aggiornati de IlSole24Ore riportano che, su 57 milioni di italiani vaccinabili (ad oggi non sono vaccinabili solo i bambini della fascia di età 0-4 che sono 2.216.510 su un totale della popolazione al 2021 pari a 59.236.213), ci sono 48.800.000 persone vaccinate con due dosi (ne mancano all’appella 8 milioni e duecentomila) e 36.400.000 con terza dose. Ci sono, quindi, al momento 12 milioni e quattrocentomila persone, probabili “vaccinati pentiti”, che non si sono sottoposti alla terza dose dopo le prime due.

    Il trend della campagna vaccinale è desolante. Evidentemente nessuno si fida più e le strategie del governo con abuso della decretazione di urgenza e obblighi in odore di incostituzionalità non fanno più paura a nessuno”…………

  3. Inizia a bruciargli la sedia sotto il c…o 😀

    Hanno finalmente capito che continuare a sostenere la dittatura finanziaria li avrebbe portati all’estinzione alle prossime elezioni politiche.

    Chissà se ricorderanno che si estingueranno comunque se non votano contro il D.L. 7 gennaio 2022, n. 1
    http://documenti.camera.it/leg18/pdl/pdf/leg.18.pdl.camera.3434.18PDL0170980.pdf

    da votarsi entro l’8 marzo a pena decadenza automatica posto che nello stesso sono contenute misure sproporzionate che si estendono ben oltre la data del 31 marzo e sono pertanto ingiustificate.

    E parimenti incostituzionali checché ne dicano gli attuali paraculi della Consulta
    https://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/aifa-in-un-anno-22-morti-vaccino-ma-dati-incompleti-ecco-perche-223377/#comment-83308

    Meloni, Salvini, Berlusconi se ci siete votate contro.

    Se non volete sparire politicamente 😛

Commenta