Roma, 17 feb – Abbiamo già documentato in un precedente articolo che, nel 2021, la mortalità Covid in Italia ha superato del 67 per cento la mortalità media degli altri dodici Paesi con tasso di vaccinazione simile. Su questa problematica e sulle relative cause, si è aperta una discussione che ha trovato spazio in diversi salotti televisivi. Il 15 febbraio scorso, durante il programma L’aria che tira, il giornalista Francesco Borgonovo ha chiesto a Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, le ragioni di questa forte differenza tra il tasso di mortalità Covid dell’Italia e quello degli altri Paesi che hanno adottato restrizioni decisamente meno stringenti rispetto a quelle italiane.

Il caso Spagna, secondo Walter Ricciardi

In Spagna, non è mai stato adottato il green pass come misura restrittiva. Nonostante ciò, è stato registrato un tasso di mortalità nel 2021 dello 0,08 per cento, decisamente inferiore a quello italiana che è stato dello 0,10 per cento. Interrogato da Borgonovo sul motivo di una tale differenza, Walter Ricciardi ha risposto: “Non sono situazioni paragonabili. La Spagna il secondo anno ha fatto un errore magistrale. Per incentivare il turismo, ha aperto a turisti di tutto il mondo senza chiedere certificazioni di nessun tipo. Ha avuto in Navarra e Aragona, nelle zone più turistiche, un’esplosione di casi. Tanto che i Paesi esportatori di turisti, come la Francia e la Germania, hanno detto ai loro cittadini ‘non andate lì’. E il loro sistema è andato in tilt. Hanno imparato la lezione e non hanno più abbassato la guardia”. Tuttavia, la Spagna non ha adottato il green pass e, nonostante un aumento dei decessi durante la scorsa estate, ha registrato un tasso di mortalità inferiore a quello italiano.

“Il green pass non lo hanno avuto perché sono un Paese caratterizzato da sedici autonomie e le diverse Corti lo hanno respinto. E hanno pagato un prezzo perché gli epidemiologi spagnoli hanno visto che, se avessero integrato con il green pass le misure di protezione, avrebbero avuto un impatto del virus molto minore”, ha proseguito Ricciardi. Come è solito fare, il consigliere di Speranza cita stime e non dati. Se confrontiamo il tasso di letalità (numero decessi diviso casi registrati), il confronto è ancora più impietoso. La letalità Covid in Italia ha superato del 79 per cento la mortalità della Spagna.

Secondo Ricciardi, nel Regno Unito le morti sono state superiori all’Italia

Nel Regno Unito, le restrizioni sono sempre state alquanto blande. Il green pass serviva solamente per accedere ai grandi eventi e ai concerti. Nonostante ciò, il tasso di mortalità britannico è stato pesantemente inferiore a quello italiano, 0,07 per cento verso 0,10 per cento. A tal proposito, Walter Ricciardi ha ribaltato la situazione: “L’Inghilterra poteva agire sulla base dei nostri insegnamenti. Non lo ha fatto e ciò è equivalso a numeri di morti e casi superiori ai nostri”.

Nel 2021, è vero che il Regno Unito ha avuti un numero di contagi decisamente superiore all’Italia, ma non è vero che ha avuto un numero superiore di morti.

La bufala sull’esplosione di casi e di morti in Danimarca

La Danimarca ha tolto tutte le restrizioni due settimane fa e ha avuto un’esplosione di casi e di morti”, ha dichiarato Walter Ricciardi. Questa bufala circola da qualche giorno sui social network. Addirittura, è dovuto intervenire l’istituto sanitario danese, lo Statens Serum Institut, il quale ha consigliato di leggere il suo rapporto settimanale.

Come si può comprendere facilmente dal grafico, nelle ultime due settimane, i casi in Danimarca sono rimasti stabili, mentre i decessi hanno avuto un lieve aumento, passando da 3 a 5 per milione di abitanti.

Le risposte di Ricciardi

Per chiarire meglio la problematica dell’alta mortalità in Italia, abbiamo contattato Walter Ricciardi. Sono quattro i fattori interagenti che hanno portato a più decessi, secondo il consigliere di Speranza. Il primo è la demografia, perché “l’Italia, dopo il Giappone, è il Paese più vecchio del mondo”, spiega Ricciardi. Il Giappone non ha mai adottato la certificazione vaccinale come misura restrittiva. Nonostante ciò, nel 2021 ha registrato un tasso di mortalità dello 0,01 per cento, profondamente inferiore a quello italiano che si è attestato allo 0,10 per cento.

Peraltro, aveva già documentato che l’alta mortalità in Italia non è direttamente correlabile ai fattori demografici. Il Portogallo ha una popolazione over 65 di poco inferiore a quella italiana (22,10 per cento vs 23,30 per cento), ma un tasso di mortalità decisamente inferiore a quello italiano (0,08 per cento vs 0,10 per cento). Lo stesso vale per la Finlandia che, con una percentuale di over 65 del 22,30 per cento, ha registrato un tasso di mortalità basissimo, pari allo 0,02%, e per la Germania che, con una percentuale di over 65 del 21,8 per cento, ha registrato un tasso di mortalità pari allo 0,07 per cento.

Per Walter Ricciardi, il secondo fattore è epidemiologico: “Gli anziani e i vecchi italiani sono più fragili dei loro coetanei di altri Paesi. Ad esempio, una donna italiana è più longeva di una svedese, ma passa 16 anni della parte conclusiva della propria vita in cattiva salute”. Il terzo fattore secondo Ricciardi è organizzativo: “Il nostro Sistema sanitario nazionale è stato negli ultimi ampiamente sottofinanziato ed è tutt’ora sotto staffato, il che rende la qualità e l’accesso ai servizi sanitari sempre più difficile. Avremmo bisogno di almeno 35.000 infermieri in più. Ora i finanziamenti ci sono ma ci vorrà tempo per recuperare”, spiega il consigliere di Speranza. A tal proposito, è necessario ricordare che, nel 2015, proprio Ricciardi, allora presidente dell’Istituto superiore di sanità, decise di chiudere Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) che sarebbe stato utilissimo per affrontare un’epidemia. E non bisogna nemmeno dimenticare che, negli ultimi dieci anni, i governi tecnici e i governi di sinistra hanno tagliato e definanziato la sanità pubblica italiana per un ammontare pari a 37 miliardi di euro. Ciò ha comportato la chiusura di ospedali, il taglio di posti letto, anche in terapia intensiva, la diminuzione del numero di medici e infermieri.

L’ultimo fattore citato da Ricciardi è quello statistico: “I sistemi di certificazione della mortalità non sono omogenei a livello internazionale”. Perché allora non adeguarsi ai sistemi usati negli altri Paesi? L’alto tasso di mortalità in Italia ha contribuito a giustificare le pesanti restrizioni adottate dal governo Draghi. Walter Ricciardi conclude affermando che “il nostro Paese sconta il fatto che è stato il primo ad essere colpito dall’epidemia e l’eccesso della mortalità è stato eclatante soprattutto in Lombardia nella prima fase”. Infatti, la nostra analisi dei tassi di mortalità ha preso in considerazione il 2021, non il 2020.

Francesca Totolo

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Forse l’ex attore di serie B Ricciardi si riferiva ai morti in Italia per via dei veleni che promuovono senza vergogna e scrupoli!A livello EMA siamo a 40 mila morti sospette per effetti avversi dopo “vaccinazione” ma la AIFA di Speranza e compagni di merende parla di 22 morti per l’ italia(sui soli 800 comunicati in sorveglianza passiva anzichè attiva come nel resto d’europa)

    Conte, Draghi e compagni di merende,M5S e leghisti compresi, hanno fatto dei crimini veri quali imporre agli italiani di fare da cavie a prodotti ad elevata tossicità e mortalità di industrie chimiche private .Sono dei terroristi con i loro continui messaggi di terrore pagati con 300 milioni di contributi ai media, soldi nostri, che hanno creato ansia, paura e depressione anche nei bambini.

    Ci hanno anche messo le loro luride mani sulle nostre facce con mascherine inutili che cancellano il nostro viso e la nostra umanità e empatia e creano bambini con autismo funzionale. Quando il potere arriva a coprirti il viso è la fine

    Conte ha anche imposto i domiciliari notturni all’ intera popolazione.Conte,Draghi e banda che non possono non sapere i veri effetti di questi veleni,vanno processati per strage e riduzione in schiavitu’ e molti italiani saranno contenti solo quando andranno in galera

  2. Personaggio vergognoso che mente continuamente agli italiani insieme al ministruccio Speranza e complici commettendo il reato di abuso della credulità popolare, oltrechè di strage per i danni fatti a decine di migliaia di italiani morti o invalidi da questi veleni genici sperimentali.

    da; imolaoggi.it;

    La Danimarca smentisce Ricciardi: basta fake news, morti e ricoveri non aumentano
    17 Febbraio 2022

Commenta