Il Primato Nazionale mensile in edicola

Perugia, 30 ott  – Secondo un sondaggio sul recente voto in Umbria, il partito più votato dal “sesso debole” è proprio la Lega. E questo nonostante Salvini sia stato definito da Lilli Gruber un pericoloso maschilista da cui le donne dovrebbero fuggire via urlando.

Operai e giovani per la Lega

Non solo: il partito di Matteo Salvini ha fatto mambassa di consensi anche tra i giovani e gli operai. Ne abbiamo notizia grazie al sondaggio speciale Elezioni in Umbria realizzato dall’istituto di sondaggi Swg. In questa analisi sono presi in esame i flussi di voto per segmenti sociali. Il risultato è che  40 per cento delle donne ha scelto Matteo Salvini. Il Partito Democratico si classifica al secondo posto con il 22 per cento delle preferenze; terza Giorgia Meloni, che tra le appartenenti al suo sesso guadagna il 9 per cento dei consensi. Il Movimento Cinque Stelle guadagna un misero 8 per cento che è, comunque, sempre due punti avanti rispetto a Forza Italia, si attesta al 6%.

Anche gli anziani votano Lega

La Lega “arraffa” il 36 per cento anche tra i giovani, che votano al 21 per cento la colazione di Nicola Zingaretti e al 14 per cento il Movimento Cinque Stelle. Sarebbero soprattutto gli appartenenti alla cosiddetta «generazione Z» cioè i post Millenials ad aver donato il proprio voto a Di Maio e i suoi. L’Umbria ha comunque una storia “rossa” e questo spiegherebbe invece una tendenza diversa tra gli anziani: il Pd totalizza il 29% di consensi tra gli over 64. Che è sempre al di sotto di quella della Lega che comunque rimane il partito più votato anche tra gli anziani, con il 34% dei consensi.

E tra gli operai la Lega surclassa il Pd, visto che il 53 per cento di loro ha votato Salvini, doppiando il “misero”  20 per cento del partito di sinistra. Per quanto attiene al M5S rimane fermo al  5 per cento, mentre Giorgia Meloni è più gradita tra tra i professionisti e partite Iva, arrivando al 16 per cento.

Terni la “rossa” vota Salvini

Le persone in difficoltà economiche hanno anch’esse preferito Salvini, che si attesta al 41% dei consensi. Dopo di lui Giorgia Meloni con il 17%. Il Pd (16%) e M5s (9%) seguono il centrodestra. Gli ultimi dati Istat riguardanti l’Umbria descrivono un quadro desolante, fatto di 50mila famiglie povere, 28mila delle quali sono concentrate solo nel ternano. Proprio a Terni, infatti, ha stravinto con quasi il 41 per cento la Lega, mentre il 27 per cento dei perugini ha votato Salvini.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. La signora giornalista Lilli Gruber ha ragione nel definire Salvini un pericoloso maschilista bifolco. Com’è noto, infatti, tutti coloro i quali votano per la Destra sono ignoranti, brutti, sporchi, cattivi e retrogradi (come li definì la signora scrittrice Michela Murgia) a differenza degli elettori illuminati che votano per la Sinistra.
    In defintiva, la signora Lilli Gruber costituisce, a mio modesto parere, un valore aggiunto da preservare, nel senso che più parla e scrive e più voti prende la Destra. Per questo, speriamo che continui così insieme a tutti gli altri intellettuali radical-chic.

  2. Stimato Bellanova , purtroppo un 30% di italioti ….. è gretino e guberino …. , la crucca dice solo idiozie , ma TROPPI ci credono …..

    Nel merito dell’ articolo …. quindi il Gran Grullo ora URLERA’ ,
    non essendo in grado di argomentare alcunché …. :

    “vaffanculo , togliamo il voto ai vecchi oltre 65 anni e alle donne ! votano Salvini perché ragionano con l’ utero ! ”

    Elettori Grulli over 65 ….. già avete fatto una cazzata …. ma dopo che il Gran Grullo (71 anni)
    vi ha dato dei vecchi rinco ….. siete così COGLIONI che voterete ancora quei MINUS HABENS ???? beh allora …. vi dovremmo DAVVERO togliere il diritto di voto …..

    ah già …. siete ANTIFA , e noi biechi squadristi ….. bah !

Commenta