Roma, 28 ott – Ad Assago (provincia di Milano) un supermercato diventa teatro di una scena horror: un uomo, come riporta l’Ansa, ha iniziato ad attaccare le persone con un coltello, ferendone cinque ed uccidendone una.

Assago, il supermercato dell’orrore

Un uomo di 46 anni, ad Assago, ha cominciato ad accoltellare persone in un supermercato, ferendone cinque ed uccidendone una. Avviene nel centro commerciale di via Milanofiori. Tra i feriti anche il calciatore del Monza Pablo Mari, che è stato ricoverato all’ospedale Niguarda con un taglio piuttosto profondo alla schiena. L’aggressore è stato fermato da un altro sportivo presente sulla scena, l’ex calciatore dell’Inter Massimo Tarantino, il quale ha poi testimoniato che l’uomo, evidentemente in preda a una crisi isterica, “urlava, urlava e basta”. Qualcuno sul posto ha elogiato Tarantino, che ha recplicato: “Io eroe? Non ho fatto niente…”.

L’aggressore e il bilancio finale

L’uomo responsabile di questo fatto di sangue era incensurato, ma in cura da un anno per una forte crisi depressiva. È iniziato tutto all’improvviso, quando ha preso un coltello dagli scaffali del supermercato Carrefour e ha iniziato ad accoltellare persone in modo casuale. L’atto terroristico è stato immediatamente escluso dagli inquirenti, a causa dell’evidente stato psicologico precario del soggetto: è molto probabile, infatti, che abbia agito in preda ad una crisi esplosa all’improvviso.

Adesso è accusato di omicidio e tentato omicidio. In caserma era in evidente stato confusionale, dal momento che si esprimeva proferendo frasi senza alcun senso. Si era anche ferito al volto, prendendosi a pugni da solo. Ora è recluso nel reparto di psichiatria di un ospedale in Lombardia.In tutto ha coinvolto sei persone nella sua follia. Il morto è un diopendente del supermercato per cui non c’è stato niente da fare: la vittima è morta durante il trasporto in ospedale. Tre dei feriti sono in codice rosso, uno in codice giallo, mentre una signora di 81 anni ha subito solo qualche taglio di striscio, venendo curata sul posto.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Carrefour italiota di m. (quelli francesi son meglio), dove era/no il controllore/i antitaccheggio ?! Dal troppo succcare… assente/i. Kolcata si avvicina… sveglia!

Commenta