Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 feb – Simulare e dissimulare, parlando a nuora perché suocera intenda. Berlusconi non si smentisce mai e, fra le righe, lancia nuovi segnali di essere pronto al grande inciucio che si prepara dopo il 4 marzo. Il pareggio fra i contendenti è più che una possibilità, quasi una certezza. E l’indiscusso leader della coalizione di centrodestra mette già le mani avanti per quel che succederà dopo la chiusura delle urne.
“Io non sono d’accordo con la parola inciucio, in Germania c’è una coalizione fatta alla luce del sole che va distinto da un accordo segreto”, ha spiegato Berlusconi ospite della trasmissione Agorà. Tutto pronto sul modello tedesco, dunque? Fino ad un certo punto, perché se da una parte “i sondaggi ed il clima di affetto che ci circonda ci fa essere sicuri di avere una grande maggioranza con cui potremmo governare e applicare il nostro programma”, dall’altra “non ci sarà nessuna possibilità di andare a fare una coalizione con questo Pd, se non ci sarà sarebbe necessario ritornare alle urne”.
Insomma, porte aperte alle larghe intese o meno? Chi ci capisce è bravo, ma almeno una certezza Berlusconi la riesce ad offrire: il fondatore di Forza Italia non sarà infatti in piazza il prossimo 18 febbraio alla manifestazione indetta da Giorgia Meloni per dire non agli inciuci. Un rifiuto a presenziare che ha fatto imbufalire il leader di Fratelli d’Italia: “Rimango basita – ha spiegato – di fronte alle parole di Silvio Berlusconi che apre alla possibilità di coalizione allargata, ma è un atto di chiarezza. Gli italiani ora sanno che Forza Italia si dice disposta a un altro governo con Matteo Renzi, mentre Fratelli d’Italia no. Scelgano il prossimo 4 marzo quale opzione preferiscono”. Ma gliel’hanno detto che sono alleati?
Nicola Mattei



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. -…consolazione per i 5 seghe..se credevano d’essere i più incasinati, ora sanno che c’è chi può di più…

  2. Mai avuto dubbio sull’inciucio tra nonno Silvio e il suo fan numero 1, il Vate di Rignano. E’ andato da Juncker Superciuk a chiedere il nulla osta.

Commenta