Roma, 9 lug – Le Ong tornano a sfidare il governo verdegiallo e annunciano che le multe previste dal decreto Sicurezza bis non fermeranno gli sbarchi. Le sanzioni in questione saranno a carico delle navi che non rispettano i divieti introdotti dal decreto e ammonteranno a somme tra i 150 mila euro e un milione, rispetto alle cifre attualmente previste dallo stesso decreto che vanno da 10 mila a 50 mila euro. Lo prevede un emendamento al dl depositato dalla Lega, primo firmatario Igor Iezzi, capogruppo del partito in commissione Affari costituzionali alla Camera.

Emendamento Lega: “Viminale può vietare sbarco di irregolari”

“Il ministro dell’Interno può altresì vietare il trasbordo o lo sbarco sul territorio nazionale di cittadini stranieri irregolari“. Lo prevede un altro emendamento della Lega al primo articolo del decreto sicurezza. Questo articolo prevede già che il Viminale possa “limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale”, “per motivi di ordine e sicurezza pubblica” o se ci sono “violazioni delle leggi di immigrazione vigenti”.

Ong: “Le sanzioni non ci impediranno di salvare vite”

“Dicano apertamente che i naufraghi devono morire. Noi pensiamo il contrario. In ogni caso queste sanzioni non ci impediranno di salvare vite, che valgono più di un milione di euro”. Lo ha detto Alessandro Metz, armatore del veliero Alex, della Ong italiana Mediterranea, commentando l’emendamento. Metz ha poi fatto una battuta ironica: “Con i soldi dovuti dalla Lega, avremmo potuto fare almeno 49 salvataggi“.

M5S contrario agli emendamenti della Lega

Dovevano essere emendamenti concordati e invece “stamattina ci siamo trovati di fronte a un blitz“. Fonti M5S parlano di “nettissima contrarietà” del Movimento in merito ai due emendamenti presentati dalla Lega. In merito al divieto di trasbordo, per il Movimento è una proposta “irricevibile”, a quanto si apprende. Intanto perché darebbe poteri enormi a Matteo Salvini e poi, si fa notare, come “si fa a stabilire se qualcuno su una nave è irregolare o no?”.

Adolfo Spezzaferro

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. I buonisti stiamo dimostrando che siamo noi.
    Dopo anni di governi eletti abusivamente dalla sinistra oggi abbiamo un governo eletto dai cittadini e come sempre accade quando i governi non sono di sinistra ci sono contestazioni e proteste sempre dagli stessi irregolari. Fino a quando non si potrà punire con rigore esemplare chi non rispetta le leggi niente potrà migliorare. Si continuerà giocare sugli equivoci perdendo tempo prezioso. Sembra chiaro che gli italiani sono contro l’invasione mentre la sinistra li vuole per incrementare il loro potere oramai al lumicino con i voti dei nuovi immigrati. Le campagne a favore dello ju soli ne sono la prova lampante.

  2. Sono allucinata di fronte alle frasi “continueremo a salvare vite” quando non è assolutamente vero. A parte che non li salvano perché vanno letteralmente a prenderli sulla costa, quindi non si bagnano neanche l’alluce di un piede, resta il fatto che le “crociere” di trasporto sono finalizzate al repulisti delle galere locali e a collettare denaro. Per questi sfaccendati comandanti di barcarole, passare dall’inutilità di una vita ricca da rave party, cocktail di droga e centri sociali, al guadagno facile in stile armatore, ha costituito un nuovo lavoro. Alla faccia che i comunisti dicono agli Italiani “dovete reinventarvi lavori nuovi”. Questi figli di papà, senza necessità di soldi né comprensione sulla vita, se lo sono inventato un nuovo lavoro. Però ci aveva già pensato Caronte, quando traghettava i destinati agli inferi e si faceva pagare per un passaggio. Nulla di nuovo perciò. Anna Maria

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here