Il Primato Nazionale mensile in edicola

Palermo, 19 gen – Una nuova ondata di sbarchi si sta abbattendo sulle coste italiane. E la Sicilia è la regione più colpita. Fino a due giorni fa erano oltre mille gli sbarcati secondo i dati ufficiali del cruscotto statistico sull’immigrazione del ministero dell’Interno. Ma tra chi è sbarcato in queste ore e chi deve ancora sbarcare ci sono altre 1600 persone. Secondo l’Unhcr, l’agenzia Onu per i rifugiati sono già oltre 3mila gli sbarchi nei primi 18 giorni di quest’anno. Mai così tanti da quando sono in vigore gli accordi con la Libia
Nelle ultime ore oltre 700 persone sono arrivate tra Palermo e Catania: precisamente 523 a Catania e 210 a Palermo. Altri 179 clandestini sono in procinto di sbarcare ad Augusta da una nave dell’operazione Sophia. A Pozzallo arriva la nave Golfo Azzurro di Open Arms che trasporta oltre a 494 immigrati anche tre salme, tra cui quella di un neonato di tre mesi deceduto durante la traversata. Domani è previsto una sbarco di altri 400 migranti a Messina.
Le condizioni del mare sono peggiorate, come è naturale in questa stagione, e i naufragi sono una certezza. Le richieste di aiuto da barchini e gommoni in balia del mare in tempesta sono sempre più numerose. Solo negli ultimi giorni sono 11 le operazioni di soccorso che si sono susseguite al largo della coste della Libia, e dalla Guardia Costiera fanno sapere che non ci sono più imbarcazioni disponibili per i trasbordi urgenti.
La situazione in Libia, luogo da cui partono sempre più barconi, continua a essere incandescente e la Guardia Costiera libica, che ieri è intervenuta per salvare 234 migranti a bordo di due gommoni in avaria, già nei giorni scorsi aveva avvertito che a causa della ripresa degli scontri tra milizie rivali ci sarebbero circa un milione di persone pronte a imbarcarsi.
Anna Pedri

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Ci stanno ammazzando questi razzisti piddini vigliacchi con l’aiuto complice e mafioso dell’europa ……..siamo al collasso. Vedremo il 4 marzo, se ci fanno votare,quanti collusi ci saranno……. poiché di infami schifosi che vogliono gli italiani morti ce ne sono parecchi……. e stanno pure in alto nella scala gerarchica.

  2. Per fortuna che ci sono le cooperative che con grandi sacrifici li accolgono e li accudiscono in sinergia con le Istituzioni.voglio precisare che in questa attività UMANiTARIA non vi è lucro ,vengono solo rimborsate le spese sostenute e dagli operatori anticipate!chi fa politica su queste persone non ha argomenti validi.

Commenta