Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 lug – La Camera approva il decreto Sicurezza bis con 322 voti favorevoli, 90 contrari e un’astensione. Sul provvedimento, che contiene misure urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica, il governo aveva confermato la fiducia questo mercoledì con 325 sì e 248 no. Il decreto va ora al Senato per l’approvazione definitiva: l’esame dovrebbe cominciare entro il primo agosto.

17 grillini non pervenuti

Spaccatura nel Movimento 5 Stelle: non è passata sotto silenzio infatti la defezione di 17 deputati grillini assenti al momento di premere il pulsante di voto. Lo stesso presidente della Camera, Roberto Fico, si è allontanato dall’emiciclo poco prima del voto. Ma il Movimento cerca di spegnere ogni polemica. “In merito alla votazione alla Camera sul decreto sicurezza bis, ad eccezione dell’unico voto contrario della deputata Doriana Sarli, la maggior parte delle altre assenze erano giustificate per motivi di salute e personali – hanno reso noto fonti del M5S -. A questi si aggiungono anche i deputati in missione. Peccato che la narrazione di molti media rimane sempre la stessa: tutti contro il Movimento. Nessun problema, ci siamo abituati”.

Sarli contraria: “Salvare vite non è reato”

Unico voto pentastellato contrario, quello di Doriana Sarli. “Il decreto si inventa una nuova tipologia di reato – ha spiegato Sarli tra gli applausi dell’opposizione – crea un nuovo reato: salvare le vite in mare“. La deputata grillina ha poi proseguito: “Sono d’accordo che esiste il problema dell’immigrazione, esiste da sempre e per sempre ma proprio per questo è sbagliato affrontarlo in termini emergenziali. Servono delle soluzioni strutturali, ma bisognerebbe che il ministro dell’Interno si andasse a sedere ai tavoli di concertazione internazionale. Se vuole ridiscutere il Regolamento di Dublino è lì che deve andare a battere i pugni sul tavolo, non prendendosela con la gente per mare”.

Salvini: “Stiamo facendo bene”

Commentando l’approvazione del decreto sicurezza bis, il ministro dell’Interno Matteo Salvini non ha perso l’occasione per mandare una frecciata al presidente della Camera. “Se Fico non è contento vuol dire che stiamo lavorando bene” ha fatto sapere dalla festa della Lega Lombarda a Golasecca, in provincia di Varese.

Cristina Gauri

9 Commenti

  1. Non c’ è peggior sordo di chi non ne vuole sapere di sentire!!! Non si tratta del proibire di salvare vite in mare. Si tratta di dover far sciroppare quelle “vite” al Popolo Italiano “a vita”! Salvarli va benissimo. Ma si deve scaricarli sulla terraferma da cui erano partiti! Come è sempre stato fatto! Non scaricarli sul groppone, (inutile, dannosa e sgradita zavorra), del già arcivessato Popolo Italiano! La gente, quella perbene e produttiva, non parlo di centri più o meno “sociali” o di debosciati P.D.rasti con rolex ed “evvve” moscia, (oltre al resto), non li vuole più! Ne ha piene le tasche di negracci ciondolanti, aggressivi e strafottenti e, comunque, molesti e degradanti, a zonzo a tutte le ore nelle nostre contrade! M5s! Cinque stelle rappresentano il meglio! Sarebbe più acconcio nomarsi: “movimento ostello”. Per rifiuti e scarti di paesi-cesso.

  2. Matteo ,stacca la spina.
    andiamo a votare e azzeriamo i grullini , ed il
    vecchio rinco di arcore ….
    (si deve saper uscire di scena al momento giusto … Berlusca pensa a Greta Garbo ….)

Commenta