Il Primato Nazionale mensile in edicola

Massimiliano-AllegriRoma, 17 gen – Va in scena l’ultima gara del girone d’andata di Serie A. La “vecchia signora” si è già laureata campione d’inverno e sfida, dopo la vittoria in Coppa Italia, il Verona di Mandorlini. La Roma, che insegue a -3, gioca a Palermo contro la coppia portentosa Dybala-Vazquez. La partita cartello è all’ora del pranzo domenicale tra Lazio e Napoli con la sfida Champions League apertissima, mentre la Sampdoria, che insegue, gioca a Parma contro l’ex Antonio Cassano.

Empoli-Inter, sabato ore 18:00

Empoli: 15° posizione in classifica con 18 punti, 17 goal fatti, 23 subiti. Sarri ha un dubbio, Tavano o Pucciarelli al fianco di Maccarone. Non ci sarà Mario Rui così come il lungodegente Guarente. Rientrano Laurini e Tonelli in difesa.

Inter: 9° posizione in classifica con 25 punti, 29 goal fatti, 25 subiti. Hernanes-Palacio-Podolski sulla trequarti con il brasiliano che sembra avere qualche problema fisico, scalpita Kovacic. Shaquiri è pronto, ma inizierà dalla panchina, mentre sulla mediana il duo di pitbull Medel-Guarin.

Palermo-Roma, sabato ore 20:45

Palermo: 10° posizione in classifica con 25 punti, 30 goal fatti, 30 subiti. Dybala in campo sarà il problema principale della seconda in classifica. Munoz è ancora alle prese con il rinnovo di contratto, Iachini lo risparmierà e al suo posto ci sarà Vitiello con Gonzalez e Feddal in difesa.

Roma: 2° posizione in classifica con 40 punti, 31 goal fatti, 13 subiti. Strootman è tornato, lo ha sancito la Lazio, e sarà il padrone del centrocampo giallorosso. Totti in vantaggio su Destro nel tridente offensivo dopo la doppietta nel derby e la febbre smaltita. Nella linea arretrata torna Yanga-Mbiwa con Manolas.

Lazio-Napoli, domenica ore 12:30

Lazio: 3° posizione con 31 punti, 33 goal fatti, 21 subiti. La formazione romana stringe per Hoedt in difesa, di proprietà dell’Az Alkmaar, e guarda a Kevin Morrison, West Ham, per giugno. FA7 non ci sarà e Pioli va verso il 4-3-3 con Onazi in mediana.

Napoli: 4° posizione in classifica con 30 punti, 33 goal fatti, 24 subiti. Benitez all’assalto del terzo posto. Britos fuori per squalifica, favorito come sostituto il neo azzurro Strinic. Higuain confermatissimo, resterà un altro anno a Napoli in caso di Champions.

Cesena-Torino, domenica 15:00

Cesena: 20° posizione in classifica con 9 punti, 15 goal fatti, 36 subiti. Di Carlo ha tanti rebus da risolvere e una squadra in emorragia di risultati. Almenida ci sarà dal 1′ e con lui Carbonero a formare il trio di centrocampo con Cascione e Zé Eduardo. A sinistra, posizione terzino, in dubbio Mazzotta.

Torino: 14° posizione in classifica con 19 punti, 13 goal fatti, 19 subiti. Una grande partita contro il Milan, ma la solita inefficacia sottorete, mentre non è andata bene in Coppa Italia, eliminata dalla Lazio. Ventura lamenta la mancanza dello spirito dello scorso campionato. Dal mercato è arrivato Maxi Lopez.maxi

Chievo Verona-Fiorentina, domenica 15:00

Chievo Verona: 16° posizione in classifica con 18 punti, 13 goal fatti, 20 subiti. Christiansen è il volto nuovo targato Chievo. Il danese andrà a dare qualità in mediana, può giocare da trequartista, ma segna poco. Partirà dalla panchina. Per il resto Lazarevic punta ad una maglia da titolare, dopo la rete contro l’Atalanta.

Fiorentina: 6° posizione in classifica con 27 punti, 25 goal fatti, 17 subiti. Diamanti scalpita ed è pronto ad esordire, mentre la davanti, torna Babacar, ma la maglia da titolare sarà ancora dello spuntato Mario Gomez. Out Aquilani e Savic.

Genoa-Sassuolo, domenica 15:00

Genoa: 7° posizione in classifica con 27 punti, 24 goal fatti, 20 subiti. Tridente Iago-Fetfatzidis-Lestienne, ma con Matri fuori 40 giorni serve un rinforzo dal mercato. Tino Costa ancora out, nella casella di sinistra della difesa ballottaggio tra Izzo e Antonelli.

Sassuolo: 11° posizione in classifica con 24 punti, 20 goal fatti, 23 subiti. Eliminati dal Milan in Coppa Italia, la formazione di Di Francesco ha qualche problema in difesa. Non ci saranno Cannavaro e Vrsaljko al loro posto allertati Antei, Acerbi e Terranova in lotta a tre per due maglie.

Milan-Atalanta, domenica ore 15:00

Milan: 8° posizione in classifica con 26 punti, 27 goal fatti, 21 subiti. De Sciglio è fermo e ne avrà per 40 giorni. Per questo sulla sinistra si è aperto un casting con i nomi di Guerreiro e Siqueira. In avanti Cerci-Menez-El Shaarawy, mentre a centrocampo torna, definitivamente, Montolivo.

Atalanta: 17° posizione in classifica con 17 punti, 14 goal fatti, 24 subiti. Tanti gli ex di giornata (Agazzi, Bonaventura, Cerci, Inzaghi, Montolivo, Pazzini). Zappacosta dopo la grande prova con il Chievo è sempre più titolare, mentre Pinilla vuole insidiare la coppia Denis-Moralez per una divisa dal 1′. Intanto Sportiello ha rinnovato fino al 2019.

Parma-Sampdoria, domenica ore 15:00

cassanoParma: 19° posizione in classifica con 9 punti, 18 goal fatti, 39 subiti. Cassano, in duo con Palladino, sfida il suo passato. Nocerino, appena arrivato da Torino, è pronto ad essere titolare da subito. Lila, il nazionale albanese, non ci sarà.

Sampdoria: 5° posizione con 30 punti, 23 goal fatti, 17 subiti. Bergessio è la novità in casa doria, al posto di Okaka. Silvestre sulla linea difensiva dall’inizio, con Ducan sulla mediana e Soriano a supporto degli attaccanti.

Udinese-Cagliari, domenica ore 15:00

Udinese: 12° posizione in classifica con 23 punti, 21 goal fatti, 24 subiti. Widmer squalificato con Piris che avanza in posizione di centrocampista di fascia destra. Thereau ha qualche problema fisico, ma dovrebbe esserci, ed affiancare Di Natale.

Cagliari: 18° posizione in classifica con 15 punti, 23 goal fatti, 35 subiti. Sau torna vertice della formazione di Zola con Joao Pedro, dopo la buona prova di Cesena, ancora tra i titolari. Conti riprende il suo posto in cabina di regia affiancato da Dessena e Crisetig.

Juventus-Hellas Verona, domenica ore 20:45

Juventus: 1° posizione in classifica con 43 punti, 38 goal fatti, 9 subiti. Demolito, 6-1, i gialloblu giovedì in Coppa Italia Allegri ritrova Mandorlini. Vidal non ci sarà, febbre e tonsillite per lui. Pereyra, dopo il goal contro i veronesi, scalpita per sostituire il cileno, mentre dubbi a destra, per Massimiliano Allegri, tra Caceres e Lichtsteiner, che ha appena rinnovato, con il primo favorito.

Hellas Verona: 13° posizione in classifica con 21 punti, 21 goal fatti, 28 subiti. “Mai partire battuti”, queste le parole del tecnico dei veneti. Si va verso il 4-5-1 con Toni punta corazzata contro la difesa meno perforata del campionato. Centrocampo a cinque con Christodoulopoulos, Sala, Tachtsidis, Greco e Hallfredsson per macinare gioco e corsa.

Lorenzo Cafarchio

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta