Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 dic – Il solito polverone alzato, l’immancabile piagnisteo scatenato per una battuta. Checco Zalone, ospite a Music, programma di Canale 5 condotto da Paolo Bonolis, ha osato interpretare ironicamente, come spesso usa fare con le canzoni popolari, Kiss Me Licia, la sigla dell’omonimo cartone animato. “Licia, Licia, Licia, guardaci a camicia (sic). Il ciuffo rosso e biondo: è frocio fino in fondo”, ha cantato il comico. Apriti cielo, Zalone ha costruito una rima con una parola indicibile che offende gli omosessuali. E’ questa l’accusa, rivolta al comico, da parte della comunità gay

“Non c’è nessuno strumento per riscattare la grettezza di Checco, – si legge su gay.it – qui c’è un’intera gag costruita su una presunta e schematica omosessualità, ovviamente basata sui soliti cliché, i vestiti, i capelli e l’apparenza, che infine chiama, inevitabile quasi, l’uso della parola fr*cio per dare il via a risatine da quarta elementare”.

Addirittura “nessuno strumento per riscattarla”, una condanna definitiva senza possibilità di appello emessa da un tribunale dell’inquisizione politicamente corretta? Si, perché ovviamente si può scherzare su qualunque cosa, si possono pure fare battute macabre quantomeno di cattivo gusto, ma nessuno osi ironizzare toccando certi temi. Allora la mannaia dell’inquisitore scatta immediata, senza neppure ammettere repliche.

https://www.youtube.com/watch?v=O2ISeds7MAo

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Siamo al ridicolo,neanche la comicità è più libera, quella di Checco Zalone è stata una performance davvero straordinaria, leggera e coinvolgente…….. la miseria umana è senza fine……

    • quella bbuttana di tua madre e di checca zalona… se la son fatta milioni di milioni… con tutti li coglioni… e ben ti sta ahah

  2. Sono un maschio a cui piacciono i maschi, i libri e CasaPound.
    Sì, Mirko sa di frocio e la comunità gay, a cui non sento di appartenere, dovrebbe prendere la vita con più Montana.

    Lettori e autori del Primato, non cadete nello stesso errore: esistono anche i ricchioni simpatici!

Commenta