Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 30 nov – Quando si dice non perdere l’occasione per spararle grosse. Tocca ammetterlo, in questo campo Laura Boldrini è una campionessa. Ai cronisti che a Firenze le chiedevano un parere sui fatti di Como, dove la visita di alcuni militanti del Veneto Fronte Skin a una riunione di Como Senza Frontiere, una rete che unisce decine di associazioni a sostegno dei migranti, è stata dipinta da Repubblica come “un’irruzione in pieno stile squadrista”, il presidente della Camera ha risposto invocando una “mobilitazione civile”. Se per Matteo Renzi il fatto in questione rientra addirittura in “gesti che sono di violenza e che vanno totalmente condannati da tutte le parti politiche”, la Boldrini è riuscita, come d’altronde ci ha abituato, a superare tutti in piagnisteo e parole a vanvera: “Ritengo che sia necessario ricorrere a delle misure adeguate ma anche che sia necessario che ci sia una mobilitazione civile su questo, perché non possiamo permettere a questi gruppi di sporcare la nostra bella Costituzione e la nostra democrazia, che non è compatibile con questi estremisti”.



Il concetto tutto boldriniano di democrazia è questo: chiunque può esprimere la propria opinione tranne quelli che il presidente della Camera ritiene “estremisti”. Loro addirittura “sporcano” la Costituzione, in che modo ovviamente non è dato sapere. Ma soprattutto occorre una “mobilitazione civile” contro questi estremisti. Come precisato su questo giornale da Adriano Scianca, se qualcuno può magari definire l’azione del Vfs come “intimidatoria”, viene da chiedersi come mai la Boldrini non abbia mai condannato in altri casi questa metodologia che è usata da anni, sistematicamente e con stile ben più aggressivo e violento, dalla galassia dei centri sociali.

Come mai, ad esempio, il presidente della Camera non definisce “estremisti non compatibili con la democrazia” gli antifascisti che tentano di impedire in ogni modo le aperture delle sedi di CasaPound? Perché non chiede una “mobilitazione civile” per impedire che venga sporcata “la nostra bella Costituzione” quando le azioni intimidatorie vengono compiute dai movimenti di estrema sinistra?

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. E mentre a Como la Sinistra per prendere voti fa credere che l’onda nera come la chiamano loro sia un pericolo per gli Italiani (una colossale menzogna neanche la più estrema delle destre si è macchiata di atti di violenza).Bene dicevo nel mentre,nel Mondo non si parla della terribile situazione del Venezuela dove le persone ,bambini compresi muoiono letteralmente di fame .Ci sarà sicuramente un Governo Nazifascista ?. NO NO scusate a Governare c’è Nicolas Maduro nato a Caracas da madre colombiana, formatosi nell’università del comunismo e Il Partito Comunista del Venezuela o PCV (Partido Comunista de Venezuela) che oltre ad aver affamato il Paese aggiunge a questa vergogna la sistematica violazione dei diritti umani ma se ne parla davvero poco di questa situazione che evidentemente non fa notizia e nel mentre in Italia nasce un nuovo movimento che si pone a sinistra della sinistra la seconda foto che vedete è il loro simbolo .E allora mi torno a chiedere a quando una legge contro l’apologia del Comunismo ? e cosa aspettiamo a fare manifestazioni contro il dilagare del Comunismo ?.Perche ricordo che questa Sinistra è anche complice del pericolo più grande che esista cioè L’islamizzazione dell’occidente che ci sottometterà se non lottiamo anche con chi in nome del buonismo cioè la sinistra non fa che accettare la sottomissione spacciandola come integrazione e uguaglianza. Diego Cheli

Commenta