Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 mag – Levate il vino a Francesco D’Uva. Che figura grama quella capogruppo del Movimento 5 Stelle a Montecitorio, che è intervenuto ieri a Omnibus su La7 per chiarire la posizione del governo sulla cosiddetta tampon tax, cioè l’Iva al 22% sui prodotti igienici femminili. Una gabella ingiusta ed odiosa dal momento che questi ultimi non sono beni voluttuari. Un emendamento presentato alla Camera sul dl Semplificazione fiscale, che prevedeva l’abbassamento dell’Iva sugli assorbenti, è stato respinto negli scorsi giorni, provocando molte reazioni di protesta.

Usate la coppetta

D’Uva, nel tentativo di spiegare la decisione della bocciatura, precisa a Omnibus che  “Da un lato non c’era la copertura finanziaria per farlo, non era prevista” , e poi passa a spiegare il secondo motivo, quello  “ambientale”. “Dall’altro lato – afferma – siamo anche per l’ambiente e non vogliamo quelli usa e getta, c’è la coppetta”. Secondo D’Uva, la soluzione esiste e deve essere adottata da tutte le donne italiane: “Ci sono anche delle possibilità non inquinanti, come la coppetta e il pannolino lavabile…”. Lo ha detto davvero. La conduttrice, visibilmente e comprensibilmente sbigottita, ha ribattuto: “non fateci ritornare ai pannolini lavabili”.

E le femministe mute

Insomma per i grillini la battaglia dell’ambiente è più importante del benessere delle donne italiane. E che cosa hanno ribattuto le paladine del femminismo, le Murgia della situazione, a questa odiosa ingerenza maschile in un argomento che di maschile non ha nulla? Nulla. A parte un’isolata protesta di Giuditta Pini, che ha scritto su Facebook “Perché Lega e M5s sono contro l’abbassamento dell’Iva sugli assorbenti? Perché costa troppo? Ma no! Lo hanno fatto per proteggere l’ambiente! Come abbiamo fatto a non pensarci?”, e prosegue: “Vi presento Francesco D’Uva che ci illumina sui vantaggi della coppetta mestruale e dei pannolini lavabili, lui che le mestruazioni, verosimilmente, non ce le ha. Per altro: la coppetta mestruale è comunque tassata al 22% e nell’emendamento Pd chiedevamo di abbassare anche quella”. Per il resto, silenzio assoluto da parte delle paladini dei diritti delle donne: ci hanno dovuto pensare le utenti social “del popolo” a sommergere di improperi D’Uva, l’uomo arrogante che vorrebbe farci tornare al medioevo oppure costringerci a introdurre nei nostri corpi un disgustoso pezzo di plastica da estrarre una volta che si è riempito del nostro sangue.

Cristina Gauri

 

3 Commenti

  1. 1) studiate il medioevo prima di parlarne
    2) la coppetta di plastica alle femministe la infilerei nel deretano. Così le preparo ai big bamboo che si dovranno prendere grazie alle loro politiche di immigrazione.

    • Sei un uomo frustrato e disgustoso, questo probabilmente perché visto come ti proponi le donne preferirebbero l’autoerotismo o l’astinenza piuttosto di stare con un “uomo” come te

Commenta