Il Primato Nazionale mensile in edicola

family day circo massimoRoma, 31 gen – Come prevedibile, il giorno dopo il Family Day la discussione non è sul contenuto del ddl Cirinnà ma sul numero delle presenze alla manifestazione al Circo Massimo. La stampa mainstream in questo senso tende a sminuire i numeri degli organizzatori, così La Stampa dichiara 300.000 presenze, Repubblica si limita a parlare di “guerra di cifre”, il Corriere della Sera prende per buona la nota della questura e parla di 200.000, infine Il Post ne conta meno di 70.000.

Ma quante persone ci stanno al Circo Massimo? Dipende. Dal numero di metri quadrati moltiplicato per 4, valore indicato da molti come numero massimo di persone presenti in un mq? Sembra di no.

Nel 2001 per la festa scudetto della Roma Repubblica e Corriere contano al Circo Massimo un milione di persone.

Nel 2002 la Cgil triplica e arriva a tre milioni.

Nel 2008 è il Partito Democratico a scegliere il circo Massimo come cuore della manifestazione. E Veltroni dichiara due milioni e mezzo di presenze. Numero che non trova nessun riscontro ma per il giornalista di Repubblica addirittura “La guerra dei numeri è inutile”.

Nel 2009 è di nuovo il turno della Cgil. E anche allora ci sono 2,7 milioni di persone. Repubblica limita a un misero occhiello il commento della questura che abbassa la quota a 200.000.

Nel 2010 è il Popolo della Libertà a scendere in campo. Un milione di persone.

Per il capodanno 2014 organizzato dal sindaco Marino i presenti sono 600mila divisi tra Circo Massimo e Fori Imperiali.

Insomma, sembra che il limite fisico di 300.000 persone al Circo Massimo valga solo per le manifestazioni del Family Day.

Stefano Casagrande

1 commento

Commenta