Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 3 apr – L’attore Corey Feldman, 47 anni, che molti ricorderanno soprattutto per le sue interpretazioni in “Goonies” (Mouth) e “Stand by Me” (Terry Duchamp), è stato assalito e accoltellato da sconosciuti. A denunciare l’aggressione subita è stato l’attore stesso con un post su Twitter, in cui si mostra sul letto di un ospedale: “Un uomo ha aperto la portiera della mia auto e mi ha pugnalato con qualcosa…Volevano uccidermi”. Secondo quanto riferito da Feldman, due uomini avrebbero distratto la sua guardia del corpo, mentre un terzo avrebbe aperto la portiera della sua auto e lo avrebbe accoltellato.
“La polizia di Los Angeles sta investigando il caso come tentato omicidio. Ho avuto tante minacce su tutte le mie piattaforme da quei vili della “Wolfpack” e sono certo che quello che è avvenuto sia il risultato di quelle azioni negative. Ho ragione di credere che sia tutto collegato. Adesso però ne ho abbastanza. Quanto sono malate queste persone”, ha scritto l’attore che da anni si è reso portavoce della denuncia contro la pedofilia a Hollywood, sostenendo che la morte dell’amico e collega Corey Haim, per overdose nel 2010, sia stata causata proprio dalle molestie subite dall’attore da registi e produttori.
Lo stesso Feldman fu molestato da bambino, come ha denunciato lui stesso nel 2013. Nella sua autobiografia “Coreyography”, l’attore ha raccontato di aver accettato numerose avances da ragazzino pur di lavorare. Nell’ambiente hollywoodiano avevano però sempre minimizzato le sue accuse.

3 Commenti

Commenta