Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 15 gen – È scoppiata la polemica attorno alle parole di Attilio Fontana, leghista e candidato presidente alla Regione Lombardia in quota centrodestra. Ieri, in una trasmissione andata in onda su Radio Padania, ha detto: «Noi non possiamo accettare tutti [gli immigrati] perché, se dovessimo accettarli tutti, vorrebbe dire che non ci saremmo più noi come realtà sociale, come realtà etnica».
Poi le parole incriminate: «Perché loro sono molti più di noi, più determinati nell’occupare questo territorio di noi. Noi, di fronte a queste affermazioni, dobbiamo ribellarci, non possiamo accettarle: qui non è questione di essere xenofobi o razzisti, qui è questione di essere logici, razionali. Noi non possiamo, perché tutti non ci stiamo. Quindi, dobbiamo fare delle scelte: decidere se la nostra etnia, la nostra razza bianca, la nostra società deve continuare a esistere o la nostra società deve essere cancellata: è una scelta».
Il candidato al Pirellone ha poi proseguito: «Se la maggioranza degli italiani dicesse “vogliamo auto-eliminarci”, vorrà dire che noi – quelli che non vogliono auto-eliminarsi – ce ne andremo da un’altra parte». Successivamente, a polemica scoppiata, Fontana ha rettificato e chiesto scusa: «È stato un lapsus, un errore espressivo, intendevo dire che dobbiamo riorganizzare un’accoglienza diversa che rispetti la nostra storia, la nostra società».
Federico Pagi



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. Da Barilla alla Deneuve fino a ‘sto cazzone di Fontana, non se ne può più dei personaggi che fanno dichiarazioni anticonformiste per poi chiedere scusa non appena gli imbecilli dei social “insorgono”. Froci, femmine, femministe, negri e maomettani… A CAGARE!

  2. Naturalmente ha dovuto rimangiarsi la lingua, per via del “brutto” (?) termine che ha usato (turba il termine “razza”? chiamiamolo in un altro termine, ma la sostanza è questa).
    Io non sono tenero con i leghisti, ma devo appurare che il sig. Fontana ha fatto un discorso serio e articolato, dall’impossibilità reale di accogliere masse di africani e asiatici nella piccola Europa, che codesto discorso dell’accoglienza e del meticciato è intriso di forte demagogia, financo la prospettiva concreta della nostra sparizione come popolo o etnia. Tutto questo detto pacatamente senza estremismi verbali alla Borghezio, ma naturalmente già questo alle anime belle è salito il sangue alla testa, si sono messi già in allarme sull’ennesimo Hitler che avanza. Patetici e merdosi tutti! Patetico il berluschino renziano Gori che parla di “unica razza umana” salva accopparsi con la bianca piemontesima tutta perfettina, smerciandola in vari suoi programmi nonostante le qualità mediocri! (Smerciando anche la sorella, che è anche peggio). Ma merdosa e da faccia da culo al massimo è l’ineffabile comunità ebraica, che si permette di alzare il ditino dando patenti di ignoranza, dimenticando che il loro staterello artificiale dà la cittadinanza a chi ha solo sangue ebraico nelle vene, emarginando gli arabi cristiani e massacrando i palestinesi! Queste sono le vere leggi razziali oggi, tacete giudei!
    Ma d’altronde il complesso di colpa inculcato ai bianchi su veri e presunti torti del passato è penetrato in fondo, quindi si può anche leggere in qualche giornaletto semiserio (Wired) che non sia un male che noi bianchi sparissimo. Ecco di fronte a questo, capirete che non mi intenerisco più alle tragedie di qualche allogeno islamico si fa saltare in aria nelle nostre città. La nostra demenza che lo fa meritare appieno.

  3. Per una volta che aveva detto una cosa giusta e alzato il capo di fronte alla dittatura che ci opprime e ci porterà ad essere schiavi della feccia africano- magrebina…….. cosa fa………ritratta,lapsus,non volevo…… ma di questo passo fra 30 anni saremmo minoranza, i bianchi nella fogna e gli islamici , africani e non , al potere…….ma sto cazzo di leghisti si svegliano o no???.

  4. Praticamente ha menzionato il PIANO KALERGY- Di cui esiste anche il libro nelle librerie, nessun lapsus informarsi gente!

  5. stesse parole di Putin in una intervista che gira in rete con sottotitoli in inglese;
    numeri alla mano,quando una sola India (un miliardo e 335 milioni di abitanti) ed una Africa (un miliardo e 216 milioni di abitanti) premono per entrare nelle aree ove abita da sempre l’uomo bianco cattivo…
    qualche domanda sul futuro prossimo del Paese in cui abitiamo bisognerebbe porsela e questo indipendentemente dal fatto che:
    – l’integrazione sociale NON esiste,a meno di non intendere con quella parola l’assenza di reati commessi dagli stranieri che purtroppo in ogni dove è abnorme;
    – non vi è nessuno che ha messo in palio la Coppa Bontà, per cui bisogna fare a gara ad accogliere stranieri senza “tetto” alcuno per dimostrare al mondo di non essere razzisti;
    – accogliere stranieri in mancanza di lavoro vero è oltretutto suicida per la società ospitante, e degrante per lo straniero ( a meno di non pensare che la questua,la prostituzione ed il vivere di espedienti o peggio reati sia dignitoso per quest’ultimo).
    – senza ricordare il conflitto nella ex-jugoslavia -ove popoli diversi tra loro si sono massacrati, benchè uniti da una stessa nazione e bandiera- se qualcuno ha voglia di fare un giro con me a Tower Hamlets a Londra (quartiere non lontano dal Tower Bridge) dove sembra di essere a Baghdad o Islamabad ma sicuramente non in una capitale europea ed indicarmi dove si concretizzerebbe questa società più ricca in quanto multi-etnica,avverto che non amo nè il narghile nè il rooh afza,perchè nel frattempo molti pub storici di quel quartiere ove bersi una Guiness hanno chiuso definitivamente i battenti.

  6. ……
    credo che per trovare un pò di palle nei politici o nei giornalisti oggi…..
    dovremo andare a “chi l’ha visto?”.

Commenta