Roma, 28 ott – Il tetto ai contanti ha iniziato a far discutere, come riporta Tgcom24. Ma a Palazzo Chigi si sta studiando una mediazione che, forse, potrebbe portare a una soluzione sul problema.

Tetto ai contanti, la bufera dopo la proposta

Il tetto ai contanti ha portato alle solite proteste provenienti da sinistra. La proposta di legge presentata dalla Lega di innalzare la soglia attualmente sui 2mila euro ma nel 2023 ancora in programma di essere abbazzata a 1000) ha generato un vespaio, anche all’interno della stessa maggioranza: Giorgio Mulé di Forza Italia, ad esempio, non lo ritiene una priorità). Di certo, una priorità è considerata dal Carroccio, che lo ritiene un intervento urgentissimo, tanto da avere una precedenza anche in Manovra. Una priorità è considerata anche dal premier, per cui l’allentamento di un tetto troppo restrittivo sarebbe cosa buona, sebbene non sulle soglie di 10mila euro proposte dal senatore leghista Alberto Bagnai.

La mediazione della Meloni

Un vertice a Palazzo Chigi con i ministri Giorgetti, Fitto e Calderone ha portato a una mediazione proposta dal presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Il compromesso potrebbe così far orientare il governo su un tetto che potrebbe stare sui 5mila euro. A queste cifre pare che l’accordo si chiuderà, ma non è assolutamente scontato che sarà quello il quantitativo indicato nella prossima Legge di Bilancio. Secondo il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani ci potrebbe essere anche una soglia più bassa: “Vedremo se 2mila, 3mila o 5mila euro”.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. 5mila è il tetto di W.Union, guarda caso. Basta prendere per il portafoglio ed addentrarsi pure verso il c.!!

  2. Il tetto al contante è un’emerita cazzata che serve per far credere agli ignoranti che non si possano tenere contanti nel materasso e/o nella cuccia del cane.

    Ex art. 47 #Costituzione siete nel vostro pieno diritto di tenervi anche 1 milione di euro in casa e nessuno può dire un c… Sveglia!

    Stanno solo cercando di non far scappare soldi dalle banche le uniche rimaste a finanziare Stati in bancarotta con i soldi dei polli che glieli lasciano.

  3. Combattere l’evasione fiscale con le limitazioni ai pagamenti in contante è una pura illazione.
    La Germania ,che un bassissimo livello di evasione fiscale, non ha limiti all’uso del contante.
    La Grecia, che ha un elevatissimo livello di evasione fiscale, ha il limite di 500 euro.

Commenta