Roma, 28 ott – L’accesso al cimitero comunale monumentale del Verano, a Roma, interdetto per l’intera giornata di oggi. E’ questa la vergognosa decisione presa dal prefetto della capitale, con la quale impedisce di fatto la commemorazione dei defunti. Nello specifico, la volontà malcelata è quella di evitare la deposizione di corona di fiori alla cappella dedicata ai caduti fascisti, ma in generale il provvedimento si ripercuote su chiunque vorrebbe portare un omaggio ai propri cari. Oggi infatti tutti si vedono sbarrato l’accesso al Verano, compresi i fiorai che, comprensibilmente, da stamani protestano contro la decisione del prefetto.

“E’ interdetto l’accesso al pubblico presso il Cimitero monumentale del Verano per l’intera giornata del 28 ottobre 2022. Al fine di prevenire eventuali violazioni del divieto suddetto, il presente provvedimento è notificato al Sindaco di Roma Capitale ai fini della pubblicazione e affinché sia posta in essere ogni consentita attività di vigilanza e segnalazione di violazioni”, si legge nel provvedimento del prefetto.

verano cimitero

Cimitero Verano, accesso interdetto. CasaPound: “Decisione disgustosa”

Durissima la presa di posizione di CasaPound: “La decisione di chiudere il cimitero del Verano per impedire la deposizione di un mazzo di fiori ai caduti del ’22 è disgustosa – si legge in una nota diffusa da Cpi- Non si trattava di una manifestazione ma di un momento di ricordo, senza simboli o bandiere: aver chiuso l’intero cimitero per impedire un omaggio ai defunti dà la misura di quanto siano piccoli e meschini certi personaggi. Personaggi che si illudono, evidentemente, che chiudere con lucchetti e catene un cimitero possa far affievolire la memoria di chi ha sacrificato la sua vita per un’Idea. Non è così e il gesto di oggi non fa altro che rimarcare, in modo ancora più netto, la differenza ideale e spirituale che sta tra noi e questi soggetti che, nella loro meschinità, pensano di aver reso un servizio allo Stato blindando un intero cimitero”.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

Commenta