Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 25 feb – Chi lo avrebbe mai detto? Su scala mondiale, dopo inglese, spagnolo e cinese, l’italiano è la quarta lingua più studiata: addirittura prima del francese. Un interessante dato confermato dal ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi. L’italiano, come riporta Agi, è al quarto posto per l’anno accademico 2016/17, con 2.145.093 studenti raggiunti in 115 paesi tramite gli Istituti Italiani di Cultura.

“Responsabilità linguistica”

“La lingua è qualcosa che è dentro ciascuno di noi, non a caso si dice la lingua è la mia patria o si parla di lingua madre. Quella italiana è la più bella del mondo e oggi ha un peso estremamente rilevante”, ha detto  Moavero in apertura della III edizione degli Stati Generali della lingua italiana nel mondo. “L’italiano è spesso associato alla bellezza, alla nostra letteratura, all’arte, alla moda, al mangiare, al vestire, insomma al bel vivere, all’idea di dolce vita. Ma è anche la storia della nostra emigrazione, che ha portato i dialetti italiani e l’italiano nel mondo”, ha ricordato il ministro, stimolando tutti, dagli insegnanti a chi fa comunicazione, alla “responsabilità linguistica”. ”Siamo al 21° posto come lingua parlata ma a livello di persone che la studiano è la quarta. Veniamo prima del francese, anche se non voglio mettere ulteriori elementi a questa già frequente rivalità transalpina”, ha affermato Moavero.

La 21esima lingua più parlata al mondo

Discorso diverso, invece, per quanto riguarda la classifica della lingua più parlata: Al primo posto c’è ovviamente l’inglese, utilizzato da un miliardo 190 milioni di persone, il 17% della popolazione mondiale. Al secondo il cinese mandarino, parlato da un miliardo 107 milioni di individui, il 15,8% della popolazione. Al terzo posto l’hindi-urdu, utilizzata da 697,4 milioni di persone. Seguono lo spagnolo (512,9 mln), arabo (422 mln), francese (284,9 mln), malese (281 mln), russo (264,3 mln), bengalese (261,8 mln) e portoghese (236,5 mln). L’italiano si colloca invece al 21° posto della classifica, con oltre 67 milioni di “utenti”.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta