Il Primato Nazionale mensile in edicola

curva-del-milanoRoma, 29 ott – Altro che Csi, i veri superpoliziotti esperti nelle più avanzatissime tecniche investigative si trovano a Milano. Basti pensare che sono riusciti a trovare bastoni da hockey in un palazzetto del ghiaccio che ospita partite di hockey. Ma ricostruiamo la sensazionale inchiesta nel dettaglio: mercoledì scorso, cinque funzionari del locale commissariato di polizia hanno fatto irruzione nel Palazzo del ghiaccio di via dei Ciclamini, a Milano, avvalendosi dell’articolo di legge 41 T.u.l.p.s. Dopo avere divelto e distrutto quattro lucchetti di relativi armadi, hanno posto sotto sequestro tre bastoni da hockey.

Per effetto di questo sensazionale ritrovamento, il titolare della licenzia di gestione della struttura è stato denunciato per possesso di armi improprie. Inoltre, in alcuni magazzini sono stati posti sotto sequestro anche delle catenelle ed un lucchetto da bicicletta con annessa catena gommata. Nel mirino delle forze dell’ordine sembra ci fosse la tifoseria dell’Hockey Milano, che sul suo sito ha espresso solidarietà al gestore del locale, il quale, scrivono, “ha dovuto sottoporsi ad una minuziosa perquisizione di diversi spazi del palazzo abitualmente concessi ai tifosi per riporre le proprie attrezzature per il tifo e le coreografie. Nell’evidente intento di giustificare il proprio inutile operato, il commissariato di primaticcio ha sequestrato diversi oggetti sportivi, libri, materiale di cancelleria, abbonamenti di alcuni tifosi, materiale pirotecnico di libera vendita, pettorine segnaletiche, aste di bandiera”.

I tifosi concludono: “In attesa che come prevedibile tutte le assurde accuse rivolte a Pompeo [Guarneri, imprenditore e gestore del palazzo del ghiaccio – ndr] si sgretolino davanti all’evidenza di fatti assolutamente contrari all’interpretazione voluta dare da qualche sedicente tutore dell’ordine, ribadiamo la nostra totale stima a chi da sempre considera i tifosi del Milano un valore per il palazzo del ghiaccio e non certo un motivo di preoccupazione”.

Roberto Derta

Commenta