Il Primato Nazionale mensile in edicola

sonic-segaRoma, 9 Mag – “Nei prossimi mesi, SEGA of America si concentrerà sulla ristrutturazione e trasferimento in California del sud dei diversi uffici in pancia alla società. Abbiamo quindi deciso di non partecipare all’E3 2015 con uno stand. La maggior parte dei nostri titoli verranno rilasciati tra la fine del 2015 e il corso del 2016, in particolare i prodotti di AAA Relic Entertainment, Sport Interactive e Creative Assembly, studi che annunceranno il tutto dopo aver terminato la fase di trasferimento. Durante l’E3 invece, SEGA collaborerà con diversi partner commerciali”.

Sangue di Enea Ritter

Con queste parole i vertici della SEGA hanno spiazzato gli appassionati in vista dell’appuntamento mondiale dell’E3 2015 a Los Angeles. Il brand storico rinuncerà dunque al tradizionale stand, questioni di priorità date dalla crisi che il colosso nippo-americano affronta ormai da anni con alti e bassi che hanno fatto soffrire i gamers più affezionati.

Black Brain

Nessun timore invece per gli amanti di Sonic, il nostro amato riccio antropomorfo sarà infatti presente nel reparto Nintendo insieme ai suoi ex-rivali storici Mario, Luigi, Peach e la lunga serie di tartarughe, yoshi e mostri impazziti. Stesso discorso per Total War, con l’espansione Attila di Total War Rome 2 uscito da qualche mese e con Total War Warhammer in rampa di lancio. Cosa porterà nella serie la svolta fantasy sarà argomento di discussione dall’E3 in poi.

Anche per chi vorrà rimettersi nei panni di Allegri, Mourinho o Ancelotti non dovrebbero esserci particolari rischi, Football Manager ci sarà, con la speranza che si riparta da quel capolavoro del 2012 e cancellando gli ultimi tre capitoli, capaci di simulare fino alla scelta dello shampoo di Cristiano Ronaldo ma totalmente irreale nella simulazione delle partite.

Per il futuro di Sega dunque si continuerà nello sviluppo di software, considerando che nel mondo consolle sono arrivati solo schiaffi dal saturn in poi, inclusa una delle macchine migliori e più incomprese di sempre, quel “dreamcast” che avrebbe meritato certamente maggior fortuna. Il mondo semplificato degli smartphone e lo sviluppo per pc rappresentano da una parte la moda del momento e dall’altra la possibilità di restare alla finestra in attesa di qualche nuova idea e di qualche nuovo rischio da correre, in fondo Sega è anche questo, un’eterna Fenice pronta a risorgere.

Alessandro Catalano

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta