Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 ago  – Vittorio Sgarbi dice la sua sulla recente crisi di governo e lo fa rilasciando un comunicato stampa in cui si appella a Matteo Salvini, chiedendogli di trovare unità e concordia con le altre forze del centro destra come Fratelli d’Italia e, soprattutto, Forza Italia.



Una proposta per il futuro

«In attesa dello scioglimento di Conte nella Camera di Ferragosto, mi sembra utile proporre al futuro presidente del consiglio la scelta più logica per un Governo certo, che rovesci le incertezze e le contraddizioni di quello da cui siamo usciti” scrive lo storico dell’arte, oggi sindaco di Sutri, sulla propria pagina Facebook.

Black Brain

“La forza, la determinazione e la coerenza di Salvini lo mettono certamente nelle condizioni di vincere da solo, e lo inducono alla tentazione di rinunciare agli alleati.” premette Sgarbi. “Ma gli alleati non sono tutti come gli squilibrati grillini. E, con il tempo, come si vede nelle amministrazioni regionali, hanno trovato una capacità di azione coerente e coordinata che è un buon viatico per quelli che io suggerisco, da battitore libero, a Salvini.”

“Con la giusta alleanza, Salvini al 55%”

Poi Sgarbi passa ad analizzare le future prospettive di voto: “Le proiezioni dei dati delle Europee ci consentono di verificare con assoluta certezza che l’unione di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e ciò che resta di un’area liberale (che io ho voluto chiamare “Rinascimento”, con denominazione ben augurante) dal 37% delle elezioni politiche del 2017 arriverebbe a oltre il 55% delle prossime elezioni, consentendo, con un risultati non solo vittoriosi ma straordinari. E, volendo, e non per il ricatto dei grillini, anche la riduzione dei parlamentari come scelta condivisa e non come la pistola puntata di un gruppo di disperati ricattatori. Tutto questo è democrazia.”

“Prudenza, non esaltazione momentanea”

“Con una coalizione collaudata e rispettabile come questa” insiste Sgarbi “nell’armonia delle sue componenti, i parlamentari a Montecitorio sarebbero 426 e al Senato 206. Un risultato mai visto, che consentirebbe di cambiare l’Italia“. “Non l’attuale ma il futuro sarà, attraverso la mediazione e la prudenza, e non l’esaltazione momentanea, il governo del cambiamento. Salvini potrà in tal modo,e solo con questa sapiente avvedutezza, salvare l’Italia” conclude Vittorio Sgarbi.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta