Il Primato Nazionale mensile in edicola

Mogadiscio, 14 mag – I terroristi somali di Al-Shabaab hanno smentito categoricamente di aver avuto rapporti con il quotidiano La Repubblica che, in un articolo di qualche giorno fa, sosteneva di aver intervistato un portavoce del gruppo, il militante Sheikh Ali Dheere.

La smentita sul sito SomaliMemo

Ne dà notizia il sito web somalo SomaliMemo che in un articolo smentisce quanto riportato dal quotidiano italiano La Repubblica relativamente all’intervista col portavoce dei rapitori di Silvia Romano, dichiarazioni poi riprese da tutti i media italiani. “Il giornale dichiara che ha intervistato il portavoce di Al-Shabaab, Sheikh Ali Dhere” si legge sul sito, “ed egli avrebbe confermato la liberazione dal rapimento della Romano”. “Il quotidiano La Repubblica ha aggiunto che un portavoce del movimento ha dichiarato che sarebbero stati pagati milioni di dollari di riscatto per Aisha Romano e che quei soldi sarebbero stati usati per “acquistare le armi per continuare la jihad”, riportano i giornalisti somali.

“Un falso di tasca propria”

Ma “l’Ufficio Informazioni di Al-Shabaab”, si legge nel pezzo, avrebbe bollato l’intervista di Repubblica come “falsa”: “non aveva basi in nessuna intervista con lo sceicco Ali Dheere”, si legge ancora. “Non c’è stata alcuna intervista con il portavoce di Al Shabaab sul caso Romano e il quotidiano italiano La Repubblica lo ha pubblicato come un falso di tasca propria”, ha detto quindi a SomaliMeMo il funzionario dell’ufficio informazioni di Al-Shabaab. L’uomo che ha parlato con SomaliMeMo ha descritto come “falsa” la dichiarazione riportata dai giornalisti Repubblica, sostenendo che sia “spinta delle politiche razziste in Italia, che negli ultimi giorni hanno attaccato e minacciato la donna musulmana Aisha. La Romano ha annunciato che si è convertita all’Islam e ha indossato il velo all’aeroporto di Roma”. Al di là del fatto inquietante che, stando a queste dichiarazioni, i terroristi di Al Shabaab ritengano Silvia Romano una di loro dopo la conversione all’Islam, attendiamo con curiosità la replica dei giornalisti di Repubblica a questa smentita.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

  1. Sono un italiano convertito all’Islam, premetto che non esulto né altro per questa conversione, da credente affido tutto a Dio, ma credo che questa ridde di voci smentite etc ,siano vergognose ,questa intervista se non reale ,sarebbe gravissima

  2. Dovrei dare del bugiardo al giornalista di Repubblica.
    Ma scherziamo ?
    Repubblica che pubblica bufale ?
    Ma quando mai !?

Commenta