Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 dic – Solitudine, noia e i difetti riflessi nelle riprese dei computer e degli smartphone. Queste alcune delle ragioni che hanno spinto molte italiane (e italiani) a ricorrere alla chirurgia estetica in tempi di coronavirus.



Il mercato della chirurgia estetica nel lockdown

Su Repubblica la testimonianza di Federica, life coach di Bergamo: “Col lockdown di marzo ho cominciato a lavorare in smart working e guardandomi al computer ho cominciato a percepire i miei difetti”. Una testimonianza che rende innegabile il collegamento tra il boom della chirurgia estetica e chirurgia plastica e il lockdown di cui è “colpevole” il coronavirus. Un  mercato, quello di queste operazioni, che non ha subito nessuna flessione negativa.

Black Brain

“Colpa di selfie e conference call”

Spiega dunque il chirurgo milanese Valeriano Vinci: “Un po’ com’era successo per il boom dei selfie con le conference call siamo costretti a vedere molto spesso la nostra immagine nel rettangolo degli schermi. E le telecamere possono deformare il viso. Di qui la necessità, anche per reazione al periodo che viviamo, di rivolgersi a uno specialista”. Dello stesso aviso Daniele Fasano, presidente del congresso 2021 della Sicpre: “Molte delle mie pazienti recenti mi hanno detto che gestire una degenza da casa permette di non dover giustificare la propria mobilità e consente al tempo stesso di lavorare”. Dopo le riaperture, alcuni pensavano che ci sarebbe stato un calo nel ricorso ai ritocchini: “Nel mio caso registro un aumento significativo degli interventi poco invasivi, soprattutto al volto e alle palpebre”, sostiene Franco Perego, docente presso la Scuola di Chirurgia Plastica dell’università di Padova. “Le persone chiuse in casa si guardano di più e interiorizzano maggiormente i loro problemi. Per questo poi si rivolgono a noi”.

Ed è boom di natiche rifatte

Lo stesso desiderio di “bellezza” è confermato da Daniele Spirito, chirurgo plastico di Roma e docente presso la Cattedra di Chirurgia Plastica dell’Università di Milano. “Nell’ultimo anno la richiesta di gluteoplastica è aumentata moltissimo, in particolare in questi mesi in cui si gioca d’anticipo per esibire glutei alti, sodi e ben proporzionati nel corso della prossima estate. Questa maggiore predisposizione a rimodellare il lato b si può ricondurre a un duplice fattore: la volontà di prendersi più cura di sé per esorcizzare la paura e lo stress legati alla crisi da Covid-19 che stiamo vivendo e le tecniche innovative che oggi abbiamo a disposizione, rivoluzionarie rispetto al passato, in grado di garantire risultati duraturi, minori complicanze e una rapida ripresa. L’impatto estetico è grandioso: glutei scesi, svuotati o poco sporgenti trovano nuova rotondità grazie all’innesto di protesi confortevoli”. Peccato che quelli nella riunione con Zoom coi colleghi non si vedano.

Ilaria Paoletti
Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta