Il Primato Nazionale mensile in edicola

Modena, 5 feb – Attenti a esprimere opinioni poco educate contro rom e sinti sui social. Potreste ritrovarvi come un 46enne modenese, indagato per razzismo via social, condannato a svolgere 400 ore di lavoro gratis per un ente ancora da stabilire. Questa la decisione del giudice che ha proposto la sospensione del procedimento a carico dell’imputato se questo svolgerà, per l’appunto, l’ammontare richiesto di lavoro non retribuito.



I fatti risalgono al 2014, quando un 50enne sinti aveva denunciato il 46enne per alcune frasi offensive rivolte alla famiglia e all’insediamento nomade della zona. L’uomo aveva commentato su Facebook un articolo giornalistico relativo al campo nomadi dove l’uomo viveva con i parenti, invitando a incendiare l’accampamento ed auspicando il ritorno dei campi di sterminio. La procura aveva aperto un fascicolo, chiamando undici persone a rispondere dei post ingiuriosi.

Black Brain

Il legale del 46enne ha presentato domanda di messa alla prova per il suo assistito, ottenendo dal giudice la sospensione del procedimento a suo carico a fronte di 400 ore di lavoro socialmente utile. Ma non è finita qui: il magistrato ha inoltre stabilito che il 46enne dall’ingiuria facile dovrà “impegnarsi in azioni risarcitorie o riparatorie” nei confronti della famiglia nomade fatta oggetto delle offese. L’uomo ha due mesi di tempo per proporre un risarcimento accettabile per la famiglia, che si è costituita parte civile.

Il calvario del cittadino modenese, che siamo sicuri si guarderà bene dal rifare il gesto, si chiuderà quindi solo dopo lo svolgimento delle 400 ore lavorative e il pagamento del risarcimento. Il caso resta aperto per altre persone, tutte residenti a Modena. Il prossimo 20 febbraio infatti sei indagati, iscritti nello stesso fascicolo del 46enne, si dovranno presentare davanti al giudice di primo grado per rispondere della stessa accusa.

Cristina Gauri

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta