Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 feb – Continua a salire il numero delle persone contagiate in Italia e purtroppo il virus cinese ha colpito pure un militare dell’Esercito. Si tratta di un ufficiale di 39 anni residente a Cremona e in servizio a Milano per l’operazione “Strade sicure”. A renderlo noto sono le stesse Forze armate, secondo cui “sono già disposte tutte le misure a tutela del personale”.

Come spiegato dall’Esercito, il militare si trovava nella sua abitazione “quando ha avvertito l’insorgenza della sintomatologia”, a quel punto “immediatamente, a titolo precauzionale, a tutela degli uomini e donne in uniforme e in aderenza alle disposizioni emanate dal Ministero della Salute, l’Esercito ha predisposto le norme di massima tutela e la ‘sorveglianza sanitaria’ del personale presente nell’infrastruttura in cui era temporaneamente impiegato e che possa essere entrato in contatto con il militare nei giorni precedenti”.

L’impegno dell’Esercito nella lotta al coronavirus

Sono dunque in corso accertamenti per capire quando e come il militare 39enne ha contratto il coronavirus. “Sono state prontamente avviate le verifiche sanitarie di tutto il personale della base per il previsto periodo di sorveglianza sanitaria. Subito intraprese inoltre, le attività per procedere alle fasi di disinfezione dei locali interessati”, fanno sapere le Forze armate. D’altronde l’Esercito “già dalla fine del mese di gennaio – dichiara lo Stato maggiore – ha impartito a tutto il proprio personale, le disposizioni necessarie alla tutela della propria salute e alla gestione di evidenze sintomatiche a cui avrebbero potuto far fronte durante il proprio servizio”.

I militari italiani sono impegnati su vari fronti nella lotta serrata al virus cinese, dalle operazioni di rimpatrio dei nostri connazionali che si trovavano in Cina, alla gestione della quarantena imposta nelle zone del Nord Italia focolaio del contagio. Ancora non è chiaro se l’ufficiale di Cremona sia stato infettato durante l’espletamento del servizio oppure in un altro momento, ma si tratta in ogni caso del primo operatore delle nostre forze armate a risultare positivo al Coronavirus.

Alessandro Della Guglia

Commenta