Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 16 feb – Partirà un volo per riportare in Italia i 35 italiani imbarcati sulla Diamond Princess, la crociera bloccata in quarantena nel porto giapponese di Yokohama. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un post su Facebook: “Buongiorno, dopo aver riportato Niccolò dalla sua famiglia, ci siamo messi subito al lavoro per i 35 italiani bloccati sulla nave da crociera Diamond Princess, in Giappone”.



La decisione è arrivata sabato “insieme al commissario straordinario, Angelo Borrelli, e al Ministro della Salute, Roberto Speranza“, dichiara Di Maio nel post. “Questa è l’Italia che non lascia mai soli i suoi connazionali. Siamo italiani, nessuno deve restare indietro, lo Stato c’è e non mancherà. Grazie a chi sta dando il massimo in queste ore, in patria e all’estero, per fornire il massimo supporto a chi ne ha bisogno”, aggiunge il ministro degli Esteri. Come per quelle precedenti l’ operazione verrà organizzata in stretto coordinamento tra Farnesina, Protezione Civile, Ministero della Salute e Ministero della Difesa.

Black Brain

La crociera è bloccata in quarantena da due settimane, ancorata nel porto di Yokohama. Il numero degli infettati dal virus, secondo quanto riportato dalle autorità nipponiche, è salito a 355 passeggeri (70 casi più di sabato), sui 3.700 totali. Gli Stati Uniti e l’Australia hanno già annunciato che andranno a prelevare i propri connazionali bloccati in quarantena sulla nave. Dei 35 connazionali a bordo nessuno è risultato positivo al contagio da coronavirus.

Intanto cresce a 1665 il numero delle vittime, quasi tutte entro i confini della Cina: Le autorità di Pechino riferiscono però che per il terzo giorno consecutivo sono calati i nuovi casi di contagio, che hanno raggiunto la cifra di 68.500. “I dati che si hanno dalla Cina sono incompleti – ha spiegato la virologa Ilaria Capua, che negli Stati Uniti è direttore del One Health Center of Excellence dell’University of Florida – non per malafede, ma perché sono 1,5 miliardi di persone. Non si possono fare così tanti test in un mese”

Aldo Milesi

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta