Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 apr – Sono saliti a più di 17mila i morti in Italia dall’inizio dell’emergenza coronavirus.  Ne dà notizia oggi nella consueta conferenza stampa Angelo Borrelli della Protezione Civile.



Ci sono 604 morti in più, ma anche notizie positive

Nelle ultime 24 ore ci sono state ulteriori 604 vittime, portando il totale dei decessi per coronavirus in Italia a 17.127 dall’inizio dell’emergenza. Il dato positivo, d’altro canto, è che sono aumentate anche le persone guarite: 1.555 solo nelle ultime 24 ore, per un totale di 24.392 e calano altresì anche i malati ricoverati, che calano di 258 persone rispetto ai numeri di ieri. In totale, quindi, le persone ricoverate per coronavirus sono 28.718. Anche le notizie dai reparti di terapia intensiva fanno ben sperare: sono 3.792 le  persone ricoverate. Ciò significa che per il quarto giorno consecutivo diminuiscono i ricoverati in terapia intensiva, – 106 rispetto  a ieri.

I numeri sui tamponi

I casi positivi, ovvero le persone attualmente contagiate sono 94.067. La crescita da ieri è di 880 soggetti, ma è anche vero che è l’incremento più basso dal 10 marzo scorso. I cittadini in isolamento domiciliare sono 61.557. I tamponi eseguiti in tutta Italia sono  755.445 tamponi. I tamponi eseguiti oggi sono 33.713, di più rispetto a ieri quando risultavano essere 30.271.  Tra tamponi fatti e casi positivi il rapporto è di 1 malato ogni 11,1 tamponi fatti (ovvero il 9%): anche questo valore è il più basso da inizio emergenza. Il 13 marzo, ad esempio, erano stati fatti 11mila tamponi: oggi, che sono il triplo, rimane lo stesso numero di malati scoperti. In totale, i casi di coronavirus in Italia dall’inizio dell’emergenza sono 135.586.

Rezza (Iss): “Diminuzione casi”

Giovanni Rezza dell’Istituto superiore di Sanità commenta così i dati: “Finalmente sembra che si inizi a vedere una diminuzione di nuovi casi: nella curva epidemica, dopo una fase di plateau, sembra esserci una discesa, la curva tende a flettere in basso. Ma aspettiamo domani o dopodomani prima di tirare un sospiro di sollievo”.

Ilaria Paoletti



La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta