1458564844-1957996-795355210570582-5381804714672051483-nMilano, 24 mar – Aveva aggredito una ragazza di ventidue anni meno di una settimana fa su un treno regionale nell’hinterland milanese. Si tratta di un rumeno di trentadue anni, immigrato clandestino e già espulso in precedenza, che con un martello frangivetro aveva preso a martellate la ragazza per rubarle la borsa contenente 15 euro e un telefono cellulare. L’accusa nei suoi confronti però non è quella di tentato omicidio.

Il Pm Bruna Albertini sta conducendo le indagini ha chiesto il fermo solo per “lesioni gravi” e “rapina”, reati minori se paragonati al tentato omicidio, che viste le modalità dell’aggressione sembrava un’accusa probabile. In ogni caso l’uomo resterà in custodia cautelare in carcere (visti i tempi è già tanto,) confermato dal Gip Maria Vicidomini. Nonostante la frattura della calotta cranica della ragazza con un martello, l’immigrato rumeno sarà processato solo per rapina e lesioni gravi.

Davide Romano

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta