Home » Incendiò un bus pieno di bambini, sconto di pena per il senegalese Ousseynou Sy

Incendiò un bus pieno di bambini, sconto di pena per il senegalese Ousseynou Sy

by Cristina Gauri
2 comments
Ousseynou Sy incendio autobus

Milano, 10 apr – Sconto di pena per Ousseynou Sy, il 47enne di origini senegalesi che, il 20 marzo del 2019, l’autista senegalese che lo scorso 20 marzo sequestrò e incendiò l’autobus di cui era alla guida e che trasportava 50 ragazzini di una scuola media. Una strage sfiorata per un pelo, una vicenda che ha visto Sy condannato a 24 anni per sequestro di persona, incendio, resistenza e lesioni personali con l’aggravante della finalità terroristica.

Ebbene, come riporta Il Giornale ieri Sy ha ricevuto una grossa riduzione di pena passando da 24 a 19 anni di reclusione. Cade, secondo la sentenza, l’accusa di lesioni, riassorbita come aggravante nel reato di strage. I giudici confermano invece l’aggravante della finalità terroristica e gli altri capi di imputazione, quali il sequestro di persona a scopo di terrorismo e l’incendio.

Ousseynou Sy voleva bruciare un autobus pieno di bambini

Sy avrebbe voluto compiere una strage sulla pista dell’aeroporto di Linate, per condizionare la politica in materia di immigrazione e «intimidire la popolazione». Da qui la decisione di prendere in ostaggio, lo scorso 20 marzo, lo scuolabus che guidava abitualmente e sul quale viaggiavano gli studenti coinvolti nel dirottamento. Ousseynou Sy aveva poi legato i propri ostaggi e cosparso di benzina l’interno del mezzo, pronto a dargli fuoco. Decisiva la chiamata delle forze dell’ordine da parte di alcuni studenti a bordo del bus, che aveva consentito ai carabinieri di raggiungerlo, bloccarlo ed evacuare i passeggeri pochi istanti prima dell’incendio.

Atroci testimonianze

Tra le testimonianze più devastanti, quella di Tiziana Magarini, che quel giorno accompagnava i bambini a scuola. Da quel 20 marzo, confessa la donna, «non dormo più, sogno le fiamme». Tiziana fu l’unico ostaggio a cui non erano stati legati i polsi, perché Ousseynou Sy l’aveva obbligata a svolgere dei compiti: legare i bambini, sequestrare i cellulari, persino versare la benzina dalla tanica all’interno dell’abitacolo, scegliere due studenti da usare come scudi umani.

«Mi diceva di prendere i più piccoli… Io non volevo, non sapevo cosa fare… Alla fine furono Nicolò e una bambina a dirmi: Tiziana non preoccuparti, andiamo noi». In quei minuti, l’unico pensiero della donna era «la morte».  E prosegue nel racconto: «Io gli chiedevo: Ma cosa fai, sono dei bambini. Lui non rispondeva, parlava da solo, ha fatto una telefonata in una lingua straniera. A noi ha detto solo: Adesso vi porto a fare un bel viaggetto, da questo pullman non scenderete più».

La prima condanna di Ousseynou Sy

Il 15 luglio 2020, la Corte d’Assise di Milano ha condannato Ousseynou Sy a 24 anni di carcere, accogliendo le tesi dei pm Luca Poniz e Alberto Nobili che avevano richiesto una riqualificazione del crimine ascritto al 47enne da «sequestro» a «sequestro con finalità di terrorismo». Al senegalese vennero tuttavia riconosciute le attenuanti generiche del caso decretando, però, l’interdizione dai pubblici uffici. Ciascuno dei ragazzi — costituiti con i genitori parte civile del processo — che si trovavano sul bus incendiato fu risarcito a titolo provvisionale di 25mila euro.

Cristina Gauri

You may also like

2 comments

lappola 10 Aprile 2021 - 12:41

Alla prossima occasione il reato non esisterà più. Quel cane sarà riabilitato, avrà un congruo indennizzo, il reintegro nel lavoro e pure un monumento nella piazza centrale. Oggi la giustizia è questa; che ci possiamo fà.

Reply
Ragnarok 11 Aprile 2021 - 11:51

La fine dell’impero romano causa totale lassismo non ha insegnato nulla – Italia ed UE destinate a seguirne il destino, con quello che seguirà probabilmente anche peggio del medioevo.

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: