Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 giu – Internet down, ma cosa è successo? Dal sito del governo britannico ad Amazon, passando per importanti media come il New York Times, il Guardian, Le Monde, la Bbc e la Cnn. Migliaia di siti stamattina risultavano down e agli utenti che tentavano di caricare le homepage appariva l’errore 503. Ovvero la segnalazione del server temporaneamente fuori uso, non in grado quindi di fornire il contenuto richiesto. Alcune pagine web hanno subìto un blocco di pochi minuti, altre di qualche ora e stanno ripartendo adesso. In Italia, tra gli altri, hanno subito blocchi momentanei il sito della Gazzetta dello Sport, di Repubblica e del Corriere della Sera.

Sangue di Enea Ritter

Internet down, cosa è successo?

Ma cos’è successo? E’ la domanda che inevitabilmente si sono posti tutti coloro che si sono imbattuti nel menzionato “error”. Si è trattato di un cyberattacco su scala mondiale o di un problema tecnico? Quest’ultimo è al momento l’ipotesi più accredita. Secondo Down Detector, sito che monitora anomalie sulla rete, “i report indicano che potrebbe esserci stato un problema di ampie dimensioni per Fastly (fornitore di servizi di cloud computing statunitense, ndr) e questo potrebbe avere ripercussioni sui vostri servizi”.

Black Brain

Fastly, che come detto è un cloud computing provider ad ampia diffusione, si occupa di rendere più rapidi i tempi necessari a scaricare i contenuti dei vari siti. E ha fatto sapere, con una nota, di “aver individuato il problema” e di essere al lavoro per individuare una soluzione al problema riscontrato. “Stiamo continuando ad indagare la questione”, scrive Fastly.

Se Fastly si guasta

Per ora non c’è alcuna indicazione che si possa trattare di un cyberattacco”, dice intanto al Corriere della Sera Stefano Zanero, docente di sicurezza informatica del Politecnico di Milano. Sembra dunque che vi sia stato un errore nei servizi di configurazione di Fastly, per quanto il mistero non sia del tutto risolto. “Di fatto questo tipo di incidente pone maggiormente l’attenzione sull’importanza di progettare le reti con sistemi di ridondanza. In un momento in cui si pensa di spostare tanti servizi sul cloud, anche quelli della PA, il tema deve focalizzarsi sulla sensibilità e la stabilità di internet. Eventi del genere, che possono sicuramente succedere, devono essere limitati sia dal punto di vista della portata che della durata”, fa notare Alessandro Piva, direttore dell’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection del Politecnico di Milano.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta