Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 giu – Roma di nuovo messa in ginocchio dalla pioggia: il quadrante nord della città è alle prese con strade trasformate in fiumi e allagamenti. E mentre i commercianti liberano i tombini, un asilo viene evacuato.



Roma e la pioggia, sempre una “calamità”

E’ da ieri che la Protezione Civile aveva messo in guardia i cittadini in merito al maltempo che si sarebbe abbattuto su Roma e, in effetti, nella tarda mattinata la predizione si è avverata. Particolarmente funestato è stato il quadrante nord della città: a causa dei tombini intasati – lo testimoniano diversi video girati e diffusi dai cittadini – le strade si sono trasformate in fiumi in piena. I commercianti della zona sono stati costretti a rimboccarsi le maniche e tentare di liberarli.

Black Brain

Un asilo evacuato dai Vigili del Fuoco

Sempre a causa di un allegamento direttamente collegato alla pioggia che si  abbattuta su Roma, è stato evacuato un asilo in via Castelnuovo di Port: qui sono stati costretti ad intervenire i vigili del fuoco. Proprio dai VdF sono stati salvati 40 bambini e 6 adulti bloccati dall’acqua: una volta tratti in salvo dalla squadra di Prati sono stati portati temporaneamente in un albergo.

Trasporto a singhiozzo

Ovviamente, anche il trasporto è stato interessato dalla “calamità” rappresentata dalla pioggia su Roma: i tram, come il 3, limitano la corsa a Piramide mentre la linea A ha diverse fermate chiuse, probabilmente a causa di allagamenti. Dai video dei cittadini, inoltre, si evince come automobilisti e scooteristi siano costretti a “navigare” nell’acqua: specialmente chi si sposta in scooter è stato visto attraversare strade allagate fino alla vita. E dire che la Raggi aveva usato il maltempo per ridicolizzare Marino: ora ce lo regalerà lei un gommone per sopravvivere nella Capitale?

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Solo negli allagamenti e disastri di altra natura, i cittadini si rimboccano le maniche… Sarebbe forse ora di prepararsi e agire così come prevenzione, come esempio, come denuncia, fregandosene di talune regolamentazioni che esistono solo sulla carta.

Commenta