Roma, 3 gen – L’uomo che ha accoltellato una ragazza israeliana di 24 anni la sera di Capodanno alla stazione Termini, a Roma, è stato identificato: si tratta di senzatetto polacco di 25 anni, ora ricercato dalle forze dell’ordine con l’accusa di tentato omicidio. Stando a quanto trapelato sinora, l’aggressore della 24enne soffrirebbe di problemi psichici. Gli investigatori sono riusciti a identificarlo analizzando le immagini delle varie telecamere di videosorveglianza presenti alla stazione Termini. Immagini filmate che hanno ripreso tutta la scena dell’aggressione e pure il volto del clochard polacco.

Ragazza israeliana accoltellata da senzatetto polacco: la ricostruzione

La sera del 31 dicembre, poco prima delle 22, una turista israeliana è stata colpita con un coltello, tre volte, mentre si trovava di fronte a una biglietteria automatica. I colpi hanno lacerato il fegato della ragazza e ferito un polmone. Nel video, diffuso poi sui social, si vede un uomo vestito di scuro che indossa un cappello con visiera. L’uomo, magro, tiene anche una busta blu in mano. D’un tratto si avvicina da dietro alla ragazza e le si scaglia contro, colpendola alle spalle. La giovane viene scaraventata a terra, poi però si alza e tenta di reagire cercando di colpire l’aggressore. A quel punto lui, con la mano destra, la colpisce di nuovo con il coltello. La ragazza resta in piedi, si tiene le mani all’addome e si allontana barcollando, mentre l’uomo si dà alla fuga nella direzione opposta, infilando nel sacchetto blu il coltello che impugnava poco prima.

La giovane israeliana è fuori pericolo di vita, ma tuttora sotto choc: “Non so chi sia, non conosco chi mi ha aggredito“, ha dichiarato la ragazza ai soccorritori e alla polizia, affermando inoltre di “non avere notato nessuno che la seguisse”.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. La domanda è una sola: perché le stazioni ferroviarie sono lasciate andare mentre negli aeroporti è tutto super controllato? Risposta: solo questione di business da diversamente tutelare. Che schifo… in progressione progressista.

Commenta