Roma, 14 dic – Uscite scaglionate per «ordine alfabetico» onde evitare assembramenti e ridurre così il rischio di contagio. Targhe alterne, insomma, ma per gli esseri umani. E’ la strabiliante proposta uscita da cilindro del presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta, intervistato da La Stampa. In queste concitate ore in cui gli italiani aspettano con il fiato sospeso di che morte civile e di quali restrizioni si dovrà morire questo Natale, il virologo a capo della Fondazione deputata all’analisi dei dati epidemiologici pensa bene di mettere il peso da 100 sulle presunte responsabilità degli italiani.

Già, gli italiani, questi irresponsabili caciaroni che osano addirittura uscire di casa quando il governo gli dà l’ok per uscire di casa. Che dovrebbero invece prendere esempio dai «soldatini» tedeschi. La Merkel gli ordina di stare segregati per le feste? E loro ligi e muti. «Dovremmo fare un lockdown durante le vacanze di Natale come la Germania, ma gli italiani farebbero la rivoluzione», ha osservato con sommo disappunto.

Uscite per ordine alfabetico o le “targhe alterne” umane

E nonostante «non siamo pronti a misure così dure» (per caso Cartabellotta ci ha dato degli smidollati?) lo Stivale necessita «un piano rigoroso per ridurre i contatti ed evitare che la terza ondata si innesti direttamente nella seconda». Ad esempio, si può pensare di «dilatare l’orario dei negozi oppure, come un tempo con le targhe alterne, pensare a delle uscite scaglionate per ordine alfabetico».

Poi si fa quasi conciliante, bastone e carota: se gli italiani ieri si sono permessi di mettere il naso fuori di casa dopo quasi due mesi di restrizioni bisogna – quasi – capirli:  «Paghiamo mesi di disagio e la gente non vede l’ora di uscire. Mi rendo conto sia impopolare dirlo, ma non è il momento». La seconda ondata è solo nella fase iniziale della discesa, spiega, «e davanti ci sono tre mesi d’inverno, il picco dell’influenza a fine gennaio e l’Italia tutta gialla con le festività. Anche l’arrivo del vaccino contribuisce all’idea sbagliata di imminente liberazione». No, figuriamoci, quale idea di liberazione: l’abbiamo capito che questo giochetto durerà ancora a lungo.

I tedeschi sì che sono bravi

Poi torna ad incensare la Germania e il suo lockdown, previsto da mercoledì 16 dicembre fino al 10 gennaio. «I tedeschi hanno capito che se non si governa la sanità non si rilancia davvero l’economia». Peccato che la Merkel abbia inondato i conti correnti dei tedeschi di denaro, cosa che non ci risulta essere stata fatta in Italia. «In Italia la strategia è meglio un uovo oggi che una gallina domani. Personalmente penso che quest’anno il Natale sia una festa da vivere sobriamente, anche nel rispetto di chi si dovrebbe incontrare. La verità è che le vacanze, con le scuole chiuse, sarebbero il momento ideale per un lockdown».

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteCaso Suarez, si è dimessa la rettrice dell’Università per stranieri di Perugia
Articolo successivoNatale in clausura, l’ultima assurdità di un governo allo sbando
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

2 Commenti

  1. L’ idea dell’ ordine alfabetico è CORRETTA …. il PROBLEMA sarebbe il controllo .

    Confesso d’ averci pensato , ma servirebbero TROPPE verifiche ….

  2. Questo Nino Carabellotta sarebbe autore di oltre 400 pubblicazioni !
    Vi immaginate il tempo che ci vuole per una sola pubblicazione, tra studi, analisi, redazione e moltiplicatelo per 400.

Commenta