Roma, 9 nov — Gioite, non potendo fermare l’onda dilagante di aggressioni sui convogli, arrivano i corsi di autodifesa personale per le dipendenti donna di Italo treno: è l’iniziativa intrapresa dalla seconda compagnia ferroviaria italiana, che dall’8 marzo scorso ha deciso di formare il personale femminile nella difesa dagli attacchi sui treni e nell’ambiente delle stazioni ferroviarie. Alcuni giorni fa il corso ha fatto tappa a Napoli e ha coinvolto persino i famigliari delle dipendenti. Una giornata all’insegna dell’allenamento con istruttori della tanto di moda krav maga, l’arte marziale di origine israeliana. Si parte da una presa sul braccio, per arrivare ad un’aggressione come lo strangolamento. e se l’aggressore ti arriva da dietro.

Autodifesa femminile: si delega alle potenziali vittime

Perdonateci il poco entusiasmo nel riferire la notizia ma il sottotesto appare chiaro: non essendo assolutamente in grado di tutelare i propri dipendenti più vulnerabili dalla piaga delle aggressioni — spesso a sfondo sessuale, nella maggioranza dei casi compiuti da sbandati extracomunitari — con politiche di prevenzione e sorveglianza dei luoghi lavorativi, si decide di delegare alle potenziali vittime.

«Queste giornate permettono alle partecipanti di apprendere tecniche semplici da memorizzare e da mettere in atto — spiega Fabio Sgroi, Direttore Health and Safety di Italo — che possono tornare utili non solo in ambito lavorativo ma anche nella vita quotidiana. Il corso è molto apprezzato da coloro che vi partecipano e stiamo già studiando nuovi progetti per il 2023. Siamo felici di aver organizzato questa giornata a Napoli, per dare alle donne una concreta opportunità e renderle maggiormente consapevoli».

Non bastano un paio di lezioni

Qualche ora di lezione di «autodifesa» — lezioni che senza un percorso costante di «mantenimento» di quanto appreso sono destinate a scivolare nello scarico del lavandino — per mettersi la coscienza a posto e poter affermare che «Italo il suo l’ha fatto». Senza contare che senza l’adeguato allenamento e la reale comprensione della tecnica di difesa personale, una reazione sbagliata o sbilanciata nei confronti di un eventuale aggressore potrebbe innescare una risposta ancora peggiore. Riassumendo: in uno o due pomeriggi non si impara ad avere la meglio su di un gruppo di magrebini o su qualche pazzo subsharaiano di due metri ubriaco o strafatto. Probabilmente persino una lottatrice esperta incontrerebbe serie difficoltà. E Italo, istituendo questo corso, sta comunicando al suo personale femminile che sarà sempre peggio.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteSantori e Schlein, i gemelli del gol del Pd: fateci sognare
Articolo successivoIl Muro di Berlino e l’ipocrisia della sinistra
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

Commenta