Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 1 set – Altri due episodi di violente aggressioni a rappresentanti delle forze dell’ordine nel capoluogo lombardo, avvicendatesi nel giro di poche ore. Il teatro è sempre la zona intorno alla Stazione Centrale, ormai un enclave dove a farla da padroni sono spacciatori, tossicodipendenti, extra comunitari senza fissa dimora, ladri e stupratori. Il comune denominatore degli attacchi, come al solito, è dato dalla provenienza degli aggressori: si tratta di due immigrati di origine africana.

Nel primo violento episodio, ad avere la peggio è stato un agente della Polfer a cui un pusher gambiano ha rotto una costola durante un fermo. I fatti si sono svolti, come detto, in Stazione Centrale, dove due agenti in servizio hanno fermato lo straniero per un controllo: manovra che ha suscitata l’immediata reazione dell’immigrato, che ha tentato di darsi alla fuga non prima, però, di essersi sbarazzato di un contenitore – nel quale poi è stata rilevata la presenza di droga – gettandolo per terra. Raggiunto dai poliziotti, il pusher li ha colpiti violentemente con pugni e calci, provocando la frattura scomposta della cartilagine costale di uno dei due. Portato all’ospedale Niguarda, è stato curato dal personale medico. La prognosi è di 30 giorni.

Solo poche ore prima, un altro immigrato – stavolta un ivoriano di 20 anni – aveva attaccato violentemente gli agenti che lo avevano avvicinato intimandogli di indossare la mascherina, come previsto dalle leggi vigenti. Teatro dell’episodio il mezzanino della fermata della Metropolitana M2. Intorno alle 16 i due poliziotti avevano notato che lo straniero circolava senza indossare il dispositivo di protezione individuale come prescritto dalle ordinanze regionali. Al suo rifiuto gli agenti avevano chiesto all’ivoriano di mostrare i documenti e a quel punto il ventenne ha preso spintonare i poliziotti, fortunatamente senza ferirli. Lo straniero, che ha precedenti sul nostro territorio, è stato quindi arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

Cristina Gauri

1 commento

  1. ….troppo gentili,siamo:
    e questa feccia se ne approfitta:

    DATEGLI DI TASER FINO A RIDURLI COME UNA LAMPADINA BRUCIATA.

    vedrai come si calmano subito,appena si sparge la voce che a fare resistenza si guadagna PRIMA il pronto soccorso e POI una fetida cella..
    ma fetida,eh?
    come una segreta del 1400,
    e per almeno SEI mesi,ad ogni resistenza.

    ALL’ISTANTE,si calmano:ve lo garantisco.

Commenta