montagnola-scalinata_Pincio
Immigrati clandestini nel Parco della Montagnola a Bologna

Bologna, 10 nov – Alba dell’8 novembre: lei, 30enne di Parma, era arrivata la sera prima con alcune amiche a Bologna per partecipare alle proteste antifa e antirazziste in risposta alla manifestazione indetta da Matteo Salvini, e dormiva nel Parco della Montagnola, il noto polmone verde al centro del capoluogo emiliano, da anni preda del degrado e dello spaccio di droga esercitato per lo più da immigrati clandestini.

Lui, pakistano 33enne con permesso di soggiorno scaduto, quindi residente illegalmente in Italia, ha provveduto a destarla con proposte indecenti. Respinto dalla giovane antagonista, questi è tornato alla carica ore dopo, intorno alle 11, passando però direttamente alle vie di fatto – non sia mai, si sarà detto, che una femmina possa rifiutarsi impunemente – e palpeggiandola nelle parti intime.

La violenza, a quanto pare, è stata comunque circoscritta anche grazie alla reazione della vittima – un calcio al clandestino – e al pronto intervento della polizia, presente sul posto e subito allertata, che dopo un breve inseguimento bloccava il pakistano clandestino che ora si trova in stato di fermo.

Non è invece dato sapere se poi la militante anti-Salvini abbia partecipato agli scontri di piazza contro la stessa polizia che l’ha aiutata.

Manlio Lanini

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta