Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 4 set – Silvio Berlusconi ha una polmonite bilaterale allo stato precoce dovuta al Covid-19. Il quadro clinico quindi è più preoccupante di quanto risultava dalle prime indiscrezioni sul suo ricovero al San Raffaele di Milano. A quanto pare il medico curante Alberto Zangrillo ha sottoposto l’ex premier – risultato positivo al coronavirus mercoledì 2 settembre – a una Tac da cui sono emerse tracce di polmonite. Da qui il ricovero, anche se non in terapia intensiva, ma nella consueta stanza al sesto piano dove l’ex Cavaliere è già stato più volte. Berlusconi attualmente è sottoposto a ossigenoterapia, che consiste nella somministrazione di una quantità supplementare di ossigeno a scopo terapeutico a causa di ridotti livelli di ossigeno nel sangue. La carica virale emersa dagli accertamenti non è proprio bassissima. Una condizione che desta preoccupazione visto che il leader di Forza Italia ha quasi 84 anni e una serie di patologie pregresse.

Forza Italia: “Alle 16 aggiornamento del prof Zangrillo. Altre ricostruzioni sono arbitrarie, non confermate”

Il leader di Forza Italia era rientrato dalla Sardegna ad Arcore nei giorni scorsi a scopo cautelativo per possibili contagi a Villa Certosa – come anticipato dal Primato Nazionale – e si era sottoposto al tampone, risultando positivo. Contagiati anche i figli Barbara e Luigi e la compagna Marta Fascina. Zangrillo aveva dichiarato che era asintomatico. Ora il quadro clinico è decisamente cambiato. Anche se, a sentire Forza Italia, la versione ufficiale delle attuali condizione dell’ex premier non è stata ancora data. “Pur comprendendo le legittime ragioni della stampa, si invita ad avere rispetto della privacy del Presidente anche per evitare notizie avventate, imprecise e allarmistiche. Tutte le notizie relative alla salute del Presidente – si legge in una nota ufficiale – saranno diffuse attraverso comunicazioni ufficiali nel doveroso aggiornamento dovuto ai media dal Prof Zangrillo a partire dalle ore 16. Ogni altra ricostruzione e ogni altro dettaglio letto in queste ore (che ci auguriamo non leggere più) relativo alla clinica e al decorso è da intendersi arbitrario, non confermato“.

Lo scoop di Dagospia: “Silvio ha la febbre e un po’ di tosse”

Ieri è stato Dagospia a lanciare lo scoop sulle reali condizioni di salute dell’ex Cavaliere: “Te lo do io l’asintomatico: Silvio ha la febbre e un po’ di tosse“. Secondo il sito di news e gossip, l’ex premier “sta mostrando i sintomi dell’infezione da coronavirus, anche se per fortuna l’alterazione della temperatura è bassa. Resta comunque il segno che l’infezione è in corso”.

Adolfo Spezzaferro

2 Commenti

Commenta