Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 24 feb – Quando potremo tornare a viaggiare in Europa? E come? Sarà obbligatorio il vaccino? All’ultima domanda ha risposto ieri la Commissione europea. “Sarà possibile anche per le persone non vaccinate continuare a viaggiare sottoponendosi a test e quarantena“. Così Didier Reynders, commissario europeo alla Giustizia, fa sapere che l’Unione europea non intende imporre l’obbligo di vaccino anti-Covid per chi viaggia nel continente. Bruxelles mette dunque un punto fermo su una questione ampiamente dibattuta. “Chiediamo di tornare ad un’applicazione corretta delle raccomandazioni adottate dal Consiglio Ue. Abbiamo inviato una lettera a sei Stati membri sul divieto di ingresso e uscita dal Paese, perché sono andati troppo oltre”, puntualizza Reynders. Paesi che possono “scoraggiare i viaggi ma non vietarli”.



Viaggiare in Europa: le prime indicazioni Ue

E’ una tirata d’orecchie in particolare a quelle nazioni che prevedono misure fortemente restrittive per gli spostamenti tra Stati membri dell’Ue. “Chiediamo a sei Stati membri un approccio diverso alla frontiera, di non bloccare i camionisti perché vogliamo una libera circolazione delle merci nel nostro mercato interno”, specifica il commissario europeo alla Giustizia. Il riferimento è chiaro. I sei stati membri che stanno adottato divieti giudicati eccessivi dall’Ue sono Germania, Belgio, Finlandia, Danimarca, Ungheria e Svezia. Fin qui, raccomandazioni e richiami Ue.

Black Brain

Ma quando potremo tornare a viaggiare per turismo in Europa? Qui si apre un enorme punto interrogativo. Regna cioè l’incertezza a causa dell’imprevedibile evolversi della pandemia. Ma è sempre la Commissione europea a precisare che “anche chi non si è sottoposto all’immunizzazione deve poter continuare” a spostarsi, con “l’uso dei test e dei periodi di quarantena”.

Regno Unito, boom di prenotazioni turistiche

Nel frattempo però il Regno Unito, ormai non più membro dell’Ue ma geograficamente parte dell’Europa, procede speditamente con le vaccinazioni e di conseguenza sta riscontrando un boom di prenotazioni turistiche. L’obiettivo di Londra è allentare le restrizioni attualmente in vigore entro la fine di marzo ed essere pressoché “libera” dal problema coronavirus per l’estate prossima. Questo con tutta evidenza rassicura i viaggiatori. Il piano in 4 fasi del Regno Unito, nelle intenzioni del premier Boris Johnson, dovrebbe infatti portare a una ripresa dei viaggi per turismo, con l’avvio della fase tre della roadmap: ovvero a partire dal 17 maggio. Dunque il Regno Unito potrebbe essere la prima nazione a riaprire le porte ai turisti europei senza troppi vincoli.

Esperimento Canarie

C’è poi un’altra destinazione possibile, stando almeno alle intenzioni delle compagnie aeree. Si tratta delle isole Canarie, arcipelago spagnolo al largo della costa nord-occidentale del continente africano. In questo caso si prevedono “vacanze sicure”. Non tramite il certificato di vaccinazione escluso dall’Ue, ma con tamponi ai viaggiatori in partenza e in arrivo. Dunque le Canarie potrebbero fungere da “esperimento” per i primi viaggi dei cittadini europei. Una sorta di “vacanze Covid-tested” con tanto di corridoi sicuri verso l’arcipelago spagnolo a partire dal 27 marzo.

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. […] Ma quando potremo tornare a viaggiare per turismo in Europa? Qui si apre un enorme punto interrogativo. Regna cioè … infatti portare a una ripresa dei viaggi per turismo, con l’avvio della fase tre della roadmap: ovvero a partire dal 17…Ma quando potremo tornare a viaggiare per turismo in Europa? Qui si apre un enorme punto interrogativo. Regna cioè … infatti portare a una ripresa dei viaggi per turismo, con l’avvio della fase tre della roadmap: ovvero a partire dal 17…Read More […]

Commenta