Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 21 feb – Secondo quanto riporta Adnkronos, è stata emessa dal ministro della Salute Roberto Speranza un’ordinanza che preve una quarantena obbligatoria per chi rientra dalle aree a rischio individuate dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms): ovviamente la Cina è l’osservato speciale.

L’ordinanza del ministro Speranza

Il testo dell’ordinanza non è ancora stato reso noto, ma chiarirà gli aspetti tecnici del provvedimento che impone a tutti i cittadini, di tutte le nazionalità, arrivati dalla Cina, di andare obbligatoriamente in quarantena per evitare il rischio di contagio da coronavirus. Gli ultimi casi segnalati in Lombardia hanno sicuramente avuto un peso nella decisione del ministro della Salute. Secondo quanto riferisce La Repubblica, il ministero della Salute con l’ordinanza firmata oggi avrebbe stabilito l’obbligo di quarantena cosiddetta “fiduciaria” domiciliare per chi è stato in Cina negli ultimi 14 giorni e di “sorveglianza attiva” per chi è stato nelle aree a rischio, con obbligo di segnalazione alle autorità sanitarie al proprio rientro sul suolo italiano.

L’allarme in Lombardia

I primi contagi da coronavirus di italiani in Italia, di cui soltanto uno non è in condizioni gravi, riguardano un 38enne residente a Codogno e nato a Castiglione d’Adda, in provincia di Lodi, ricoverato da mercoledì sera a Codogno. E’ risultato positivo al test del coronavirus. Positiva ai test anche sua moglie – che è incinta all’ottavo mese – ricoverata in isolamento al Sacco di Milano. Positivo anche un amico. “Sono sei i casi di positività al coronavirus in Lombardia, a oggi abbiamo un numero cospicuo di persone su cui stiamo intervenendo, a oggi circa 250 persone sono in isolamento e a cui faremo il tampone“, dice l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

  1. ”obbligo di quarantena cosiddetta “fiduciaria”….”fiduciaria’…..cazzata tipica da pidiota…il nulla del nulla..subumani..da piombatura..

Commenta