Il Primato Nazionale mensile in edicola

Rimini, 24 feb – Psicosi e scene di panico sono scongiurabili ma in certi casi purtroppo da mettere in conto. In Italia le persone contagiate dal virus cinese sono purtroppo in aumento e si rischiano reazioni scomposte da parte di qualche soggetto mentalmente instabile. Quanto successo ieri a Rimini, nel primo pomeriggio, rientra però nella sfera della totale follia, con tutta evidenza pericolosa. Un uomo di 50 anni, residente a Monza, si è infatti scagliato contro le auto in corsa armato di coltello e urlando “Coronavirus”. Inevitabile la paura scattata tra gli automobilisti che hanno dovuto evitare l’assurdo assalto “all’arma bianca” del 50enne, che ha iniziato pure a prendere a pugni e calci un veicolo.

Un folle contro la folla

Gli increduli passanti che hanno assistito alla scena hanno fatto scattare immediatamente l’allarme, facendo accorrere gli agenti di polizia. All’arrivo di questi ultimi, l’uomo si è dato alla fuga obbligando i poliziotti a inseguirlo lungo le strade del quartiere. Il folle è stato poi acciuffato grazie alle indicazioni di una residente che dal terrazzo di casa stava osservando i suoi movimenti. Gli agenti, una volta bloccato il 50enne armato di coltello, hanno dovuto impedire anche il tentativo di linciaggio da parte della folla inferocita che ha tentato di scagliarsi contro di lui. Arrestato per resistenza, minacce gravi e aggravate, l’uomo è stato infine portato in Questura.

Alessandro Della Guglia

Commenta