Messina 27 feb – Tra mille polemiche la nave Sea Watch è sbarcata stamattina al molo Norimberga di Messina, con a bordo 194 clandestini recuperati al largo delle coste della Libia. Polemiche che non accennano a sopirsi da ieri, quando cioè il presidente della Sicilia Nello Musumeci aveva parlato di “sfida al popolo siciliano” chiedendo a Conte che immigrati ed equipaggio della nave osservassero la quarantena a bordo dell’imbarcazione e non presso l’hotspot di Bisconte.



Nella sua lettera a Palazzo Chigi Musumeci evidenziava le carenze della struttura: “il Centro di primo soccorso ed identificazione, destinato per legge ad una permanenza breve limitata alla identificazione dei migranti, appare strutturalmente incompatibile con l’esigenza del prolungato regime di isolamento a cui dovrebbero essere sottoposti i cittadini non comunitari in arrivo”. Ma la proposta è stata respinta al mittente.

Oggi Musumeci è intervenuto di nuovo sull’argomento, attaccando a testa bassa l’esecutivo: “Il governo di Roma ha respinto la nostra proposta, autorizzando a Messina lo sbarco dei migranti e la loro sottoposizione a isolamento in un hotspot che le autorità sanitarie hanno dichiarato inadeguato allo scopo. È una decisione grave che non rispetta la dignità dei migranti e le preoccupazioni dei siciliani. Sarebbe stato più umano indirizzare la nave in un porto attrezzato e in un territorio lontano dalla emergenza sanitaria. Ne prendiamo atto”. Il governatore è poi tornato a sottolineare la inidoneità della sistemazione. A Messina “il Centro di primo soccorso ed identificazione, destinato per legge ad una permanenza breve limitata alla identificazione dei migranti, appare strutturalmente incompatibile con l’esigenza del prolungato regime di isolamento a cui dovrebbero essere sottoposti i cittadini non comunitari in arrivo”.

Le dichiarazioni di Musumeci sono andate incontro alla stigmatizzazione di Giorgia Linardi, portavoce di Sea Watch, che le ha bollate come “politiche”. Non solo: la Ong ha denunciato un trattamento discriminatorio nei propri confronti. “Nel rispetto delle precauzioni sanitarie adottate, riteniamo discriminatoria l’applicazione esclusiva della misura a navi Ong“, dice Sea Watch. La Linardi contesta anche la decisione di quarantenare l’equipaggio assieme al carico di immigrati sbarcati a Messina. Il perché è chiaro: alla Ong non sta bene la “pausa forzata” a cui la Sea Watch verrà irrimediabilmente sottoposta. In un momento in cui continuano ad arrivare richieste di recupero da barconi e gommoni “in avaria”, la quarantena rappresenta una palla al piede per l’Organizzazione, non più libera di effettuare il servizio taxi per gli immigrati di mezzo Mediterraneo.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta