Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 31 dic – Nella sera di Capodanno i controlli a tappeto non si limiteranno ai pattugliamenti delle strade o alle spiate dei vicini impiccioni, ma riguarderanno anche le piattaforme social: lo ha annunciato il ministro dell’Interno Luciana «grande sorella» Lamorgese in un’intervista rilasciata stamattina a Radio Capital.

Lamorgese avverte: controlli di capodanno anche sui social

Insomma, gli italiani disobbedienti che pensavano di escogitare qualche pensata per eludere i controlli dovranno stare attenti non solo ai posti di blocco, ma anche a cosa postano su Facebook o Instagram. Ci saranno controlli «non soltanto sulle strade, dove già abbiamo operato in questi giorni di Zona Rossa, ma anche online», avverte il ministro. «Questa volta per le feste sappiamo che tramite richiami sui social, qualcuno sta cercando di individuare delle strutture dove riunirsi», prosegue Lamorgese.

Più uomini in strada che per una guerra

«Noi faremo gli interventi necessari affinché si eviti di ripetere ciò che è successo questa estate, quando con le discoteche aperte e la partecipazione dei giovani si è determinato un diffondersi ulteriore del virus». Per Lamorgese «Bisogna assolutamente evitarlo», e quindi si apra la caccia al trasgressore anche sui social. «Abbiamo messo in campo 70 mila uomini – specifica – a cui dobbiamo aggiungere il personale della Polizia municipale, su tutto il territorio nazionale»

Gli italiani sono stati bravi, ma si continuerà a bastonare

L’inquilina del Viminale è però costretta ad ammettere che gli italiani si sono comportati bene. «Bisogna però dire che le sanzioni finora sono state poche», precisa. «C’è un grande senso di responsabilità», spiega. «E d’altra parte in un momento in cui è iniziata la fase delle vaccinazioni, e stiamo vedendo la luce dopo un lungo periodo buio, il senso di responsabilità sono convinta che continuerà a prevalere». Ma poi ritorna a bastonare. «Facciamo controlli per evitare che ci siano dei danni ulteriori, ora che la curva si sta abbassando, ci sembra sciocco, non responsabile, andare a fare feste non consentite. Alla fine si tratta di un giorno che si può vivere in famiglia».

Come passerà questo Capodanno dagli echi orwelliani il ministro dell’Interno? «Il Capodanno lo passerò a casa con mio marito, e d’altra parte sarò vicina alle forze di Polizia».

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Finché sorvegliano e prevengono punkabbestia e sconvolti vari, rave ed altre accozzaglia, ben venga… Ma sarà così, o sarà la solita caccia allo sfigato di turno? Posso avere qualche dubbio, o é vietato? Vedremo!

  2. La lamorgese conta meno del 2 di picche con la briscola quadri ……

    e bASTA con sto CAZZO di paragone con la GUERRA !!!!! fate i seri , il NOSTRO ESERCITO non era quello descritto dai partigianelli , al seguito degli INVASORI AMERICANI !!!!! (inglesi SOLO merdine slave degli USA …..)

    I Camerati che hanno combattuto e PERSO la GUERRA per l’ ONORE d’ ITALIA …. NON erano i Pulcinella che credete per la vulgata comunistoide …. 70.000 uomini ?
    350.000 è una stima APPENA attendibile .

    Se parliamo della guerra al TERRORISMO COMUNISTA ., cui
    HO PARTECIPATO …. eravamo più di 70.000 , ma qualcuno ci ha IMPEDITO di liberare MORO …. STRANAMENTE la storia di DOZIER fu BEN DIVERSA ……

    Ma … SI LAVASSE I CAPELLI !!!! non le bastano 25.000 € al mese per essere ORDINATA ????? Fossi il suo “comandante” non l’ accetterei in adunata così SCIATTA !

    I Comunistelli oggi al governo , sperano , grazie al COMUNISTA Bidè e ad
    un ridicolo papa …. di CONTARE …. ma sono come la rep di WEIMAR ….
    cui seguì il NAZISMO !!!! Studiare la storia no eh …..

    Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria ….
    la MATEMATICA governa l’ UNIVERSO …… SH

  3. Dove eri e con chi ileri ieri sera alle 11,59 ?
    Ero solo a casa.
    Hai testimoni ?
    No.
    Condannato per falsa testimonianza.

Commenta