Roma, 26 mag –  La Cgia, nel suo ultimo studio, ha denunciato le violazioni da parte della Pa della legge in materia di pagamenti nei rapporti commerciali con le aziende private. In pratica molti enti pagano i fornitori in grave ritardo. Si tratta di un male diffuso che non risparmia neanche l’Inps, l’Inail e alcuni ministeri. Il centro studi veneto è giunto a queste conclusioni estrapolando i dati relativi agli Indicatori di tempestività dei pagamenti (Itp) e l’ammontare dei debiti commerciali delle principali Amministrazioni pubbliche presenti in Italia.

I ritardi dell’Inps e dell’Inail

Dall’analisi degli artigiani di Mestre emergono dati impietosi.  Nel 2018 l’Inps ha registrato un Itp pari a +10,13.  Questo dato certifica che l’anno scorso l’Istituto ha liquidato i propri fornitori con oltre 10 giorni medi di ritardo rispetto alle disposizioni previste dalla legge in materia di tempi di pagamento. Tutto ciò, al 31 dicembre 2018, ha contribuito a produrre un debito commerciale complessivo nei confronti dei fornitori pari a 157,2 milioni di euro.


Per quanto riguarda l’Istituto nazionale Assicurazione ed Infortuni sul Lavoro (Inail), invece, nel 2018 l’Itp (riferito al 4° trimestre 2018) è stato pari a +54,45: in pratica l’istituto in questo ultimo trimestre ha saldato i propri fornitori con quasi 2 mesi di ritardo. Stupisce inoltre che lo stesso ente non abbia ancora pubblicato l’ammontare complessivo del debito maturato al 31 dicembre 2018 nonostante sia obbligato a farlo dalla legge.

I ministeri che pagano in ritardo le imprese

La situazione non migliora prendendo in esame i vari ministeri: la metà di essi infatti paga le aziende in ritardo.  Da segnalare la situazione critica del ministero della Difesa. L’anno scorso ha liquidato i fornitori con 67 giorni di ritardo e ha maturato a fine anno ben 313,2 milioni di debiti. Anche il Viminale non se la passa bene: nel 2018 ha saldato le fatture dopo 60,9 giorni dalla scadenza. Fortunatamente ci sono delle lodevoli eccezioni. I più celeri a pagare, secondo la Cgia, sono stati il ministero dell’Istruzione (Itp pari a -7,74), quello degli Esteri (-19,70) e quello della Giustizia (-27,38), anche se non hanno pubblicato sui loro siti l’ammontare dei debiti accumulati.

La Pa non è capace di dare il buon esempio

Questi dati fanno balzare agli occhi un’evidente contraddizione che riguarda il rapporto tra gli italiani e la pubblica amministrazione. Infatti, come giustamente sottolinea Paolo Zabeo (coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia), “quando sono le imprese a ritardare il versamento dei contributi previdenziali o assicurativi questi istituti (Inps, Inail) sono solerti e intransigenti nel far scattare immediatamente le sanzioni e gli interessi di mora previsti dalla legge. Diversamente, quando sono chiamati a liquidare i propri fornitori, questa inflessibilità nel rispettare i tempi di pagamento viene inspiegabilmente meno”. Un doppiopesismo che mina profondamente la credibilità dello stato agli occhi dei cittadini.

Salvatore Recupero

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here