Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 apr – In un recente articolo comparso sul sito Politico, la giornalista Paulina Neuding spiega perfettamente come il mito della Svezia “multiculturale” nasconda in realtà un inferno per i bianchi svedesi, in particolare ovviamente donne. Chi ha voglia di nausearsi si vada a leggere i resoconti delle sparatorie quasi quotidiane, delle gang di allogeni, delle violenze e della sostanziale impotenza della polizia, al punto che il governo pensa di militarizzare direttamente i quartieri a rischio. A noi interessa però il punto politico della questione, ovvero il “come si è arrivati a questo”? Esiste una manfrina spesso portata avanti sui social media dagli intellettuali della “sinistra critica”, ovvero di quella sinistra che quantomeno accetta l’idea che l’immigrazione possa essere un problema, e che si rifà all’idea marxiana di “esercito industriale di riserva”.
Il ragionamento, e l’abbiamo scritto più volte, in realtà fila. Il capitale, all’interno del conflitto distributivo con il lavoro, ha tutto l’interesse a mantenere un livello di disoccupazione elevato, persino a costo di distruggere capacità produttiva sua propria, in modo da poter deflazionare a suo piacere i salari. Se la disoccupazione è al 3% farà fatica un imprenditore a trovare qualcuno che lavori alla metà del salario dei suoi dipendenti attuali, se è al 30% potrà persino trovare qualcuno che lavori in cambio di pane ed acqua. Questo, in estrema sintesi, è l’idea marxiana che vede nell’importazione di manodopera allogena una strategia volta a disintegrare il benessere delle classi lavoratrici faticosamente conquistato in secoli di lotte anche feroci, e noi ci sentiamo di sottoscriverlo in pieno, con una postilla. E se fossimo in regime di piena occupazione in senso keynesiano, ovvero se non esistesse disoccupazione involontaria come nei tardi anni ’60? A quel punto, ci chiediamo e chiediamo ai nostri immaginari interlocutori di sinistra, sarebbe possibile viceversa attuare una politica di “porte aperte” all’immigrazione senza alcun danno? Certamente, si potrebbe essere senza dubbio molto più generosi e “ospitali”, ma la Svezia sta proprio a dimostrarci che in linea generale la risposta è un secco: “no”.
Quando iniziò a comportarsi da “superpotenza umanitaria”, la Svezia era sostanzialmente in piena occupazione, e aveva lo Stato sociale più generoso ed efficiente del pianeta, e così questa socialdemocrazia decise di accogliere più allogeni in rapporto alla popolazione autoctona di qualunque altra nazione in Europa. I risultati li stiamo vedendo, per chi ha desiderio di apprendere dai propri errori, e non di nascondere la polvere sotto il tappeto. Molto semplicemente, piena occupazione o meno, l’integrazione di milioni di barbari, provenienti da culture incompatibili con quella svedese (ma in generale con qualunque cultura non tribale) si è rivelata del tutto impossibile. Un mix letale di millenarismo protestante (fare della terra la Gerusalemme Celeste), economicismo marxista (le differenze fra gli uomini sono sovrastrutture dei rapporti di produzione) e isterismo femminista (la priorità è distruggere il maschio bianco eterosessuale, tutto il resto va bene), ha condotto la Svezia a spalancare il proprio limes a orde di barbari che non sanno cosa farsene dello Stato sociale, se non in senso parassitario.
Anzi, l’accoglienza e la generosità viene sempre e comunque percepita dalle culture afro-islamiche come debolezza, arrendevolezza, effemminatezza, indi (essendo le donne null’altro che bottino di guerra) come stimolo e incentivo a prendersi tutto quello che vogliono in barba a quello stesso Stato che li coccola come cucciolotti tenerosi. Prima che sia troppo tardi, anche noi italiani dobbiamo fare una profonda riflessione, che magari dovrebbe portarci a conclusioni un attimo diverse da quelle dei nostri cugini luterani.
Matteo Rovatti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Cultura e Civiltà sono profondamente correlate, senza la prima non esiste nessun tipo della seconda eppoi i cugini Luterani hanno un Idolo nella Moneta, noi no, abbiamo altri valori.

Commenta