Copenhagen, 13 ago – Il primo ministro danese Mette Frederiksen ha ufficialmente chiesto scusa a centinaia di vittime di abusi subiti nelle case per bambini orfani o abbandonati gestite dallo stato danese. Per un lungo periodo, dal 1945 al 1976 migliaia di bambini furono vittime di abusi sessuali, percosse e persino drogati in tali case.

Gli abusi hanno avuto luogo in tutta la Danimarca e per anni le vittime hanno chiesto alla Danimarca le scuse ufficiali. “Le scuse significano molto. Tutto ciò che volevamo era la tranquillità“, ha detto una delle vittime, Arne Roel Jorgensen. Il sessantottenne ha raccontato alla Bbc come la vita di molti bambini sia stata rovinata da questi abusi.

L’incontro con le vittime


Martedì il primo ministro socialdemocratico ha incontrato decine di vittime degli abusi nella sua residenza ufficiale a Marienborg. “Vorrei guardare ognuno di voi negli occhi e chiedere scusa” disse loro. “Non posso prendermi la colpa, ma posso assumermi la responsabilità.” Molte persone sono scoppiate in lacrime mentre diceva che i bambini erano stati presi dai loro genitori e invece di ottenere sostegno e calore, hanno ricevuto umiliazioni e abusi.

Lsd usato sui bambini

I dettagli di ciò che si svolgeva in queste case sono emersi per la prima volta nel 2005, quando un documentario televisivo danese rese pubbliche le parole delle vittime della Godhavn Boys Home, nella Danimarca nord-orientale. Il documentario ha anche rivelato come uno psichiatra avesse testato droghe su alcuni dei bambini. Bjorn Elmquist ha affermato che l’Lsd veniva usata da questo psichiatra per fermare i bambini dal fare la pipì a letto, ma molti di questi bambini sono poi diventati tossicodipendenti. 

“Allarmanti abusi”

Il rapporto ufficiale sugli abusi, pubblicato nel 2011, ha esaminato le accuse di abuso e abbandono in 19 case per ragazzi e ragazze, intervistando bambini, personale e ispettori statali. Nonostante la sua portata limitata, ha documentato “allarmanti abusi fisici, sessuali e psicologici” e i ricercatori hanno trovato tracce di sangue su un cavallo da ginnastica, indicando che i bambini erano stati picchiati con l’oggetto.

La vergogna delle vittime

Elmquist, ora avvocato, ha affermato che molte delle vittime provano una grande vergogna per quanto accaduto: “Alcuni di loro mi hanno contattato e mi hanno implorato di non far menzionare pubblicamente i loro nomi”. Nessuno fu mai perseguito per ciò che accadde nelle case e i governi successivi decisero che il caso era ormai troppo vecchio per essere perseguito. Prima di essere eletta a giugno, la  Frederiksen aveva promesso che si sarebbe scusata per il ruolo dello stato.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here