Il Primato Nazionale mensile in edicola

Saint-Etienne_2

Roma, 26 lug – Per ora ci sarebbe un morto, il sacerdote, ed un ostaggio che lotta tra la vita e la morte, entrambi “sgozzati”: è questo il bilancio provvisorio dell’ennesima giornata di terrore vissuta dalla Francia. Cinque uomini sono stati presi in ostaggio da due soggetti non meglio identificati (ma che sembrerebbero essere jihadisti, anche se si continua parlare di “squilibrati”) in una chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, comune del dipartimento Seine-Maritime, vicino Rouen. I due aggressori, stando ad alcune fonti locali, avrebbero gridato “Daesh” durante il loro ingresso in Chiesa. Le teste di cuoio sono immediatamente entrate in azione e i due assalitori sono stati uccisi appena usciti sul sagrato. Il prete sarebbe stato “sgozzato”. Secondo alcune fonti, gli ostaggi morti sarebbero due, altri ribadiscono che solo il sacerdote sarebbe stato ucciso. Molti colpi d’arma da fuoco sono stati sentiti dai testimoni. François Hollande si sta recando sul posto.

I due assalitori sono entrati durante la messa mattutina, tra le 9 e le 9,30, dalla porta sul retro della chiesa. Gli ostaggi erano il parroco, due suore e due fedeli. Un’altra suora è riuscita a mettersi in salvo e a dare l’allarme. Non si conoscono i motivi del gesto né l’identità dei due uomini. Ma emerge che almeno uno di loro portava una barba e un indumento tipico dei musulmani.

(Aggiornamenti in diretta)

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

8 Commenti

  1. Ultimamente sono tutti “squilibrati”. I casi sono due: o ci dicono cagate o è il caso di riaprire i manicomi…

  2. …Siamo messi bene. Credo sia il caso di fare un pò di pulizia, qui tra pazzi mentecatti islamisti e delinquenti vari tutti i giorni ci sono morti innocenti.

  3. Fa parte tutto del piano, in Syria il Presidente Hassd sta vincendo e ora i sionisti applicano il piano B. E’ ora di svegliarsi e di spegnere la tv.

  4. Repubblica ha già messo le mani avanti “forse hanno problemi mentali”.
    Gli unici ad avere problemi mentali son i giornalisti italiani.

  5. Eppure per il fermano si trattava subito di ultra di estrema destra completamente sano e conscio, salvo poi scoprire che la moglie non sapeva l’italiano e si era dimenticata che il marito stava caricando di botte il giovane,mentre chiamava altri nigeriani in soccorso.
    I misteri del dualismo giornalistico: povera vittima o “mentalmente instabile” per negri e islamici, “sani e di estrema destra” per bianchi.

  6. Stiamo assistendo alla disintegrazione sistematica di ogni forma di difesa, perfino verbale , dagli invasori islamici, d’altra parte se l’invasione è avallata ed agevolata dai nostri stessi governanti l’unica risposta è iniziare una ribellione con le nostre forze, prendere atto che se non ci si difende da soli non ci difende nessuno e iniziare la resistenza.. purtroppo il nemico piu grande lo abbiamo ai nostri stessi vertici di comando…
    guardatevi questa maledetta oca farneticante
    https://www.youtube.com/watch?v=E7QePDmPHfk

  7. Penso che ormai sia chiaro anche ai più tonti ( ma non c’è limite alla tontaggine) che la storia del “pazzo isolato”, del “povero depresso” etc. non è che l’ultima penosa trovata della disinformazione ufficiale che quotidianamente cerca di sbarrare la strada a ogni nostra possibile reazione.
    Stiamo toccando il fondo, dopo di che o si risale o si resta giù.
    Il commentatore precedente parla giustamente di “resistenza”: mai come ora sarebbe necessaria, e appropriata questa parola tanto abusata da quelli che ci hanno messo in queste disastrose condizioni.

    Maria Cipriano

  8. …Maremma…ho fatto una scatellata su vari Tg, da Skytg24 a Tg com. Ai lettori di veline non gli riesce pronunciare ” terrorismo islamico “! Quando un italiano sdraia una “risorsa” è sicuramente xenogaygenderazzista ignorante e con simpatie “diestremadestra” ed aderente agli ultras. I terroristi islamici, al contrario soffrono di psicopatologie di cui dobbiamo farci carico . Fuori l’Islam dall’Italia.

Commenta