Il Primato Nazionale mensile in edicola

Parigi, 17 gen – Il presidente francese Emmanuel Macron ha mostrato molto bene quale sia il suo concetto di risposta «democratica» al dissenso. E cioè dura repressione. Dall’inizio della rivolta dei gilet gialli, infatti, il bilancio di morti e feriti assomiglia più a un bollettino di guerra che non a un resoconto di normali incidenti di piazza. Stando ai calcoli più recenti, in due mesi si contano ben 98 feriti gravi: 17 di loro hanno perso un occhio, mentre a 4 è stata addirittura mozzata una mano. Questi, almeno, sono i numeri della repressione delle forze dell’ordine, che non hanno avuto remore a sparare lacrimogeni e Flash-Ball ad alzo zero.   

Si tratta, ovviamente, di una lista non esaustiva, ma che comunque rende bene l’idea di che cosa è capace Macron pur di mantenere il suo posto all’Eliseo. Nella lista sono stati considerati «feriti gravi» tutti coloro che «hanno riportato fratture delle ossa, perdita totale o parziale degli arti oppure l’infezione della carne dovuta a schegge di granata». Oltre ai numeri di cui sopra, un manifestante ha anche perso completamente l’udito, mentre ha fatto molto scalpore la morte di un’anziana signora di 80 anni, Zineb Redouane, gravemente ferita al volto da un lacrimogeno lanciato dalla polizia nel suo appartamento di Marsiglia. La donna è poi morta in ospedale il 2 dicembre scorso.

Leggi anche – Sangue sui politici francesi: i poster choc dei gilet gialli contro la violenza della polizia

È stato dunque calcolato che, con cifre del genere, le forze dell’ordine francesi hanno provocato in due mesi più morti e feriti gravi che in tutti gli ultimi 17 anni: dal 2000 al 2017, infatti, si erano avute 44 lesioni gravi a causa dell’utilizzo di Flash-Ball. Di fronte a questi dati agghiaccianti, le autorità governative non sembrano voler retrocedere di un millimetro. Tutt’al contrario, il primo ministro Édouard Philippe è intenzionato a investire ulteriormente in nuove dotazioni per polizia e gendarmeria, nonché ad accelerare l’iter parlamentare per approvare una legge cosiddetta «anti-casseur» (dove per casseur si intende approssimativamente un manifestante violento). E se chiedete lumi a Christophe Castaner, il ministro dell’Interno, lui ha già risposto: «Nessun poliziotto o gendarme ha mai attaccato i gilet gialli». Ecco, questa è la Francia macroniana e «anti-populista».

Elena Sempione

2 Commenti

  1. Sui media mainstream italiani di questa vergogna nessuna notizia, solo buttare fango sui gilet gialli descrivendoli come scalmanati esaltati, vergogna attrae vergogna, chissà come mai…..!!

    Complimenti per l’articolo, almeno voi avete i co,,,, di dire certe cose imbarazzanti e vergognose per la UEE!!

    Cordiali saluti.

    TheTruthSeeker