Londra, 18 apr – Una ex sposa dell’Isis, che ha voltato le spalle all’organizzazione dopo aver trascorso due anni in Siria, ha accusato i bulli della sua scuola britannica di averla gettata tra le braccia degli estremisti islamici

Fatima, 30 anni viene da Londra: ha trascorso due anni in Siria prima di tagliare tutti i legami con l’organizzazione islamica e di tornare dalla sua famiglia nel 2017, all’età di 28 anni.


In un’intervista ha detto di aver cercato conforto nelle credenze estremiste, dopo essere stata regolarmente aggredita a scuola, e presa di mira a causa del suo velo. Fatima racconta di quando aveva 11 anni e una banda di ragazze la spinse in un angolo del parco giochi e strappandole il velo, tirandole i capelli. “Gli uomini mi prendevano alle spalle, spingendomi e minacciando di togliermi il velo. Sono stata anche presa a pugni e calci”.

Fatima ha ammesso di essersi sentita ispirata dopo aver conosciuto un uomo online, che l’ha indirizzata verso letture sulla “giustizia islamica”. Ha aggiunto: “Il principe Harry era un eroe di guerra per il popolo britannico, quindi ho pensato: perché noi non possiamo avere i nostri eroi che ci proteggono?”

Proprio in questi giorni un’altra ex “sposa dell’Isis”, pentita, che risponde al nome di Shamima Begum  (che ha lasciato la sua casa Bethnal Green nel 2015 per la città siriana di Raqqa e sposato una jihadista olandese), ha fatto ricorso contro la sentenza che le revoca la cittadinanza britannica e si batte per tornare in Gran Bretagna.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here