Il Primato Nazionale mensile in edicola

Senatore americanoRoma, 30 mag – Durante una visita in Australia il senatore repubblicano John McCain ha rilasciato un’intervista ai microfoni dell’emittente televisiva statunitense ABC, il bersaglio principale del neocon è stata la Russia di Vladimir Putin e l’operato dell’amministrazione Trump. Il senatore McCain oltre ad auspicare nuove sanzioni nei confronti della Russia alza il tiro: “Penso che lui [Putin ndr.] è la principale minaccia, più grande perfino dell’Isis”. Poi continua nel j’accuse dicendo che “l’Isis può fare cose terribili…ma sono stati i russi che hanno tentato di distruggere le fondamenta della democrazia e di cambiare il risultato di una elezione americana”.

L’ex candidato alle presidenziali del 2008 nonostante affermi che non abbia prove riguardo l’ingerenza russa nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre ribadisce che “ci hanno provato e continueranno a farlo”. A questo proposito lamenta la mancanza di prese di posizione e provvedimenti da parte dell’amministrazione Trump nei confronti della Russia. McCain esprime poi preoccupazione riguardo la corrispondenza tra Jared Kuchner, genero di Trump, e l’ambasciatore russo a Washington in merito all’apertura di un canale di comunicazione segreto diretto con Mosca “So che alcuni funzionari dell’amministrazione stanno dicendo che è una procedura standard. Non credo che sia una procedura standard prima dell’insediamento del Presidente degli Stati Uniti da qualcuno che non sia stato ancora nominato”.

Nelle ultime battute dell’intervista McCain apprezza l’operato dell’amministrazione Trump in materia di sicurezza nazionale, o forse sarebbe meglio dire della sua normalizzazione, senza però lanciare l’ennesima frecciatina all’inquilino della Casa Bianca: “”Credo che la maggior parte del tempo, lui [Trump] accetta i consigli e linee guida del team di sicurezza nazionale. Ma lo fa a tutte le ore? No. E mi dà fastidio? Sì, mi dà fastidio “.

Guido Bruno

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Quest’uomo e’ completamente accecato dall’odio, che e’ completamente ingiustificato, verso l’unico capo di stato veramente capace, giusto e risolutivo di questo povero mondo.
    Le sue accuse sono completamente false e tendenziose…e la cosa grave e’ che in Europa lo ascoltano pure!

Commenta