viktor orbanBad Staffelstein (Baviera), 24 set – Sulle politiche immigratorie Viktor Orban non ci sta e attacca direttamente Angela Merkel. Il primo ministro ungherese, ospite in Baviera, ha duramente criticato l’atteggiamento della Germania sulla questione dell’accoglienza. “La cosa più importante è che non ci sia un imperialismo morale. Non metto in dubbio il diritto della Germania di definire dei requisiti morali, in particolare su se stessa. Possono decidere se accogliere tutti i profughi o nessuno, ma questo deve essere obbligatorio solo per loro“, ha spiegato Orban in conferenza stampa congiunta con Horst Seehofer, governatore del land e membro della Csu, lo stesso partito della cancelliera.

Il riferimento è alla quota di 120mila immigrati che l’Unione Europea, Germania in testa, sta cercando di riallocare da Italia e Grecia verso gli altri paesi. Orban ha già fatto sapere da tempo che l’Ungheria – insieme ad un fronte di altre nazioni dell’est – non è disposta a piegarsi supinamente ai diktat di Bruxelles: “Siamo ungheresi, non possiamo pensare come i tedeschi. L’Ungheria deve avere il diritto di controllare l’impatto dell’immigrazione di massa”, ha poi aggiunto in occasione del summit Ue tenutosi sempre ieri, criticando anche l’uso vago dei trattati: “Abbiamo Schengen, che è un accordo firmato da tutti, che dice chiaramente come fare a difendere i confini, è un obbligo, devo rispettare Schengen e ristabilire l’ordine. Se non seguiamo le regole, tutta l’Ue piomba nel caos”.


Roberto Derta

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here